Accertamento con adesione: è possibile accedere alla sospensione?

Secondo la recentissima prassi del Fisco, si può presentare istanza di accertamento con adesione avvalendosi della sospensione dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 in base alle norme del Decreto Cura Italia.
Nell’articolo analizziamo il problema dei pagamenti degli accertamenti esecutivi e del calcolo della sospensione dei termini in caso di accertamento con adesione

accertamento con adesione sospensione

Sospensione dei termini dell’accertamento con adesione

La circolare n. 5/e del 20 marzo 2020 e la circolare n. 6/e del 23 marzo 2020 dell’Agenzia delle Entrate forniscono precise indicazioni circa l’impatto della disciplina inerente alla sospensione dei termini sullo svolgimento dei procedimenti di accertamento con adesione.

In particolare, secondo la predetta prassi, per gli avvisi notificati nel periodo di sospensione il decorso del termine per il ricorso parte dal 16 aprile mentre per gli avvisi notificati in precedenza ma ancora pendenti alla data del 9 marzo 2020 il termine per ricorrere resta sospeso nel periodo intercorrente la sospensione fino al 15 aprile riprendendo dal successivo giorno 16.

La sospensione dell’articolo 83 del D.L. n. 18/2020 si cumula con il termine di sospensione di 90 giorni previsto dall’accertamento con adesione e, tenuto conto dei 60 giorni di tempo per proporre il ricorso, è possibile arrivare a contare complessivi 187 giorni di tempo utile per completare la procedura.

Non è interessato dalla sospensione in argomento il termine (previsto dall’articolo 8 del d.lgs n. 218 del 1997) di venti giorni dalla redazione dell’atto di cui all’articolo 7 entro cui versare le somme dovute per effetto dell’accertamento con adesione.

Ai sensi degli artt. 6 e 12, D.Lgs. n. 218/1997, in caso di presentazione di istanza di adesione, i termini di presentazione del ricorso sono sospesi per un periodo di 90 giorni.

La sospensione del termine per l’impugnazione degli atti d’imposizione tributaria prevista dal D.Lgs. n. 218/1997, art. 6, comma 3, è volta a garantire un concreto spatium deliberandi in vista dell’accertamento con adesione (il cui esperimento resta, appunto, consentito) e va riferita al relativo procedimento, che ha natura amministrativa.

 

Termini per il pagamento degli importi dovuti a seguito di accertamenti esecutivi: la Circolare n. 5/e del 20 marzo 2020

Secondo la circolare n. 5/e del 20 marzo 2020[1] dell’Agenzia delle Entrate la sospensione del termine per la proposizione del ricorso recata dall’articolo 83 del decreto legge n 18/2020, rileva anche in relazione al decorso del termine per la formulazione dell’istanza di accertamento con adesione che ai sensi dell’articolo 6, comma 2, del decreto legislativo 19 giugno 1997 n. 218 può essere formulata “anteriormente all’impugnazione dell’atto innanzi la commissione tributaria provinciale” e dell’ulteriore termine di novanta giorni previsto dal comma 3 della medesima disposizione per la proposizione del ricorso a seguito della presentazione dell’istanza.

Non è previsto un congelamento del termine di 90 giorni per la procedura di adesione dall’8 marzo al 31 maggio 2020 ex articolo 67 del decreto legge n. 18/2020.

Non è previsto un congelamento del termine di 90 giorni per la procedura di adesione dal 23 febbraio 2020 al 15 aprile 2020 ex articolo 103 del decreto legge n. 18/2020.

E’ configurabile, viceversa, un congelamento del termine di 90 giorni per la procedura di adesione dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 ex articolo 83 del decreto legge n. 18/2020.

Ad esempio:

  • se l’istanza di adesione è stata presentata il 20 gennaio 2020, il residuo dei 90 giorni non si consuma durante l’ arco temporale compreso tra l’9 marzo e il 15 aprle 2020;
     
  • se l’istanza di adesione è presentata il 27 febbraio 2020 il residuo dei 90 giorni non si consuma durante l ‘arco temporale compreso tra l’9 marzo e il 15 aprile 2020;
     
  • e se l’istanza di accertamento con adesione è stata presentata durante il periodo di sospensione (9 marzo 2020 al 15 aprile 2020) l’inizio dei 90 giorni è differito alla fine di detto periodo ovvero il calcolo dei 90 giorni decorre dal 16 aprile.

Ai fini della tempestività del ricorso introduttivo di primo grado rileva la sospensione del termine di impugnazione(60 giorni) ex articolo 83 del decreto legge n. 18/2020, decorrente dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it