I patti di famiglia, tra disciplina civilistica e esenzione dall’imposta sulle donazioni

di Antonino Russo

Pubblicato il 10 giugno 2021

Il patto di famiglia, quale fattispecie volta ad agevolare e dare certezza al passaggio dei beni nell'ambito della donazione: quali differenze presenta rispetto alla donazione modale? I patti di famiglia sono esenti dall'imposta sulle donazioni?

Patto di famiglia: cenni sulla disciplina civilistica

patto famiglia esenzione imposta donazioniL’ art. 768-bis del codice civile [1] contempla la figura del cosiddetto patto di famiglia, chiaramente ispirata alla finalità di agevolare le vicende circolatorie dei beni donativi, in funzione di certezza e stabilità dei futuri acquisti, attenendo al delicato profilo del passaggio generazionale dell'impresa, nel rapporto tra le obiettive istanze di continuità ed efficienza nella gestione del bene produttivo, da un lato, e le esigenze di tutela delle ragioni dei legittimari, coinvolte nella vicenda traslativa dell'azienda familiare, per altro verso.

L'introduzione dell'istituto, peraltro, rappresenta l'attuazione di precisi indirizzi di politica legislativa elaborati dagli organismi comunitari, sul tema specifico della trasmissione endofamiliare delle imprese produttive [2].

Si tratta indubbiamente di un negozio a carattere "familiare", visto che al- successivo art. 768-quater si desume agevolmente che alla pattuizione in questione debbano (necessariamente) prendere parte, oltre al disponente (vale a dire, il soggetto titolare che trasferisce il bene produttivo), ed ai discendenti (o, all'unico discendente) che il disponente intende beneficiare con l'attribuzione del complesso aziendale, anche tutti gli altri soggetti che rivestirebbero la qualità di eredi legittimari, se, al momento dell'atto, si aprisse la successione del soggetto disponente.

Per espressa volontà del legislatore il negozio de quo ha natura contrattuale (art. 768-bis) e si tratta, più precisamente, di un contratto "solenne" (o formale) poiché l’art. 768-ter dispone, infatti, che il patto di famiglia debba rivestire la forma dell'atto pubblico, a pena di nullità. Si tratta, dunque, di forma richiesta ad substantiam.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...

Limiti e opportunità del patto di famiglia

Patto di famiglia: aspetti civilistici e fiscali

 

I confronti con la donazione modale

In dottrina, alcuni studiosi hanno ritenuto l’istituto somigliante ad una