Limiti e opportunità del patto di famiglia

Nel presente intervento vogliamo illustrare le opportunità ed i limiti del patto di famiglia sulla scorta di un esempio concreto: in particolare vogliamo analizzare la differenza fra patto di famiglia e donazione

Patto di famiglia: partiamo da un esempio…

patto di famiglia limiti

Si ipotizzi, per entrare subito nel vivo, il caso del soggetto Tizio che detiene i seguenti beni:

  • Un’azienda o quote di maggioranza di società;
  • Titoli;
  • Immobili.

Gli eredi sono la moglie e tre figli. Si tratta di una ipotesi di classica famiglia di un imprenditore.

Tizio vuole mantenere la proprietà dell’immobile adibito ad abitazione principale per la moglie.

Al primo dei figli vuole attribuire le partecipazioni societarie e agli altri gli immobili. Inoltre, alla moglie vuole attribuire la liquidità.

Queste valutazioni risentono anche delle valutazioni personali dei vari soggetti coinvolti.

La moglie, ad esempio, sarà preoccupata dal poter godere di un adeguato tenore di vita, tuttavia, non ha alcun interesse ad essere coinvolta nella realtà aziendale.

I vari istituti che possiamo utilizzare in un simile caso risentono di alcuni limiti imposti dal nostro ordinamento.

(Per approfondire leggi…“Patto di famiglia: criticità anche fiscali per i non assegnatari” di Giuseppe Rebecca)

 

I limiti posti dall’ordinamento: il divieto dei patti successori

L’art. 458 cc vieta i patti successori.

La norma prevede espressamente che:

Fatto salvo quanto disposto dagli articoli 768-bis e seguenti, è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione.

È del pari nullo ogni atto col quale taluno dispone dei diritti che gli possono spettare su una successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi”.

Sono vietati i patti di diversa natura. In particolare i patti:

  • istitutivi. In sostanza nessuno può disporre tra vivi della propria successione. La propria successione può essere disposta solo attraverso i l testamento;
     
  • dispositivi, ossia i patti con cui taluno dispone dei diritti che dovrebbero giungergli attraverso una successione che non si è ancora avverata;
     
  • rinunciativi, ossia i patti con cui uno rinuncia ai diritti che dovrebbero giungergli da future successioni.

Vi sono ordinamenti dove, al contrario di quanto accade in Italia, questi patti sono invece ammessi (Francia, Germania).

 

La disciplina in tema di legittima

Una ulteriore limitazione imposta dal nostro ordinamento è quella relativa alla quota di legittima.

Si tratta di una quota di cui alcuni soggetti non possono essere privati. Le legittime spettano ai figli, al coniuge e agli ascendenti in mancanza di figli.

Le quote di legittima vanno computate tenendo conto anche delle donazioni fatte in vita (riunione fittizia).

Il valore dei beni donati non è quello storico, bensì quello esistente al momento della successione e deve essere valutato al netto di miglioramenti effettuati dal donatario.

Questo ultimo conteggio potrebbe risultare sul piano pratico impossibile, soprattutto se pensiamo e beni dinamici come l’azienda o la partecipazione societaria.

Vi sono diverse forme di tutela accordate dal sistema contro la violazione di legittima.

Ad esempio, il soggetto leso può esperire l’azione di riduzione che si prescrive in 10 anni dall’apertura della successione, nel caso in cui debba agire contro una donazione.

Diversamente, qualora agisca contro il testamento, vi sono sentenze della Cassazione che fanno slittare il decorso del decennio dalla pubblicazione del testamento o dall’accettazione dell’eredità.

L’art. 557 cc, peraltro, stabilisce che la rinuncia all’azione di riduzione è nulla.

La rinuncia all’azione di riduzione è infatti possibile solo dopo la morte del donante o del testatore, a seconda che agisca contro una donazione o un testamento.

Con l’azione di riduzione si ottiene una pronuncia di inefficacia.

Il passo successivo è quello volto a recuperare materialmente il bene. Si deve esperire, a tal fine, una azione di restituzione.

Normalmente si agisce contro il soggetto che ha ricevuto il bene a seguito di donazione o di testamento ma potrebbe anche accadere che sia preventivamente intervenuta…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it