Termini per l’accertamento e definitività del credito in dichiarazione

Quali sono i termini che ha il Fisco per accertare un credito in dichiarazione?
Esaminiamo anche il caso dell’istanza di rimborso di credito IVA da parte di un fallimento.

Termini per l’accertamento: aspetti generali

termini accertamento definitività creditoI termini entro i quali può essere legittimamente esercitata l’attività di accertamento fiscale assumono una particolare rilevanza a garanzia dei diritti dei contribuenti, che non possono essere sottoposti indefinitamente a controllo.

L’esercizio dei poteri di accertamento da parte dell’amministrazione finanziaria è quindi soggetto a precisi limiti temporali decadenziali, collegati al decorso di alcuni anni successivamente al “fatto” cui il controllo viene riferito, ossia alla presentazione della dichiarazione fiscale.

Una volta decorso il termine concesso, non dovrebbe essere più consentito all’amministrazione di accertare il periodo di imposta “decaduto”, occorre però chiedersi se tale regola valga per ogni posizione giuridica, compresi i crediti di imposta (rettificabili a favore o a sfavore del contribuente).

In epoca recente, la Cassazione, con sentenza n. 15525 del 21.07.2020, ha appunto rimesso alle SSUU della Corte la questione “se la decorrenza del termine di decadenza del potere di accertamento senza alcuna contestazione implichi che il credito IVA indicato in dichiarazione sia definitivo e cristallizzato”.

 

Il caso: istanza di rimborso di credito IVA da fallimento

Il contenzioso di merito aveva a oggetto l’originaria istanza di rimborso di un credito IVA richiesto dalla curatela di un fallimento e disconosciuto dall’amministrazione finanziaria, che lo aveva sospeso a fronte di carichi tributari esistenti in capo all’impresa fallita.

(Per approfondire…“Legittimazione all’istanza di rimborso IVA e superabilità del termine di decadenza biennale” di Isabella Buscema)

La CTP prima e la CTR poi avevano condiviso la posizione della società ricorrente in primo grado, affermando che il credito in questione si era consolidato per decadenza del potere di accertamento dell’amministrazione.

L’Agenzia delle Entrate aveva quindi impugnato la sentenza della CTR con ricorso per cassazione, affermando, quale unico motivo di ricorso, la violazione e falsa applicazione dell’art. 10 del D.Lgs. n. 313 del 1997 e dell’art. 2697 c.c., in relazione all’art. 360, comma 1, n. 3, c.p.c.

In sostanza, l’Agenzia sosteneva che:

  • il mancato deposito della documentazione richiesta a seguito della presentazione dell’istanza di rimborso comportava la proroga del termine per l’accertamento del credito;
     
  • i previsti termini decadenziali trovano applicazione solo con riferimento alle attività di accertamento e non anche a quelle con cui l’amministrazione finanziaria contesta un suo debito;
     
  • la CTR non aveva tenuto in debito conto il mancato deposito, da parte della curatela fallimentare, cedente il credito IVA, dei documenti richiesti, tra i quali la copia dei registri IVA e delle fatture d’acquisto (venendo meno all’onere probatorio).

 

Termini per l’accertamento

Secondo le disposizioni applicabili ratione temporis, gli accertamenti dovevano essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31.12 del quarto periodo di imposta successivo a quello di presentazione della dichiarazione.

Questo termine si applicava alle ipotesi di infedele dichiarazione, cioè quando la rappresentazione fornita dal contribuente nella dichiarazione fiscale era difforme rispetto a quanto accertato dall’ufficio fiscale.

Nei casi di omessa presentazione della dichiarazione o di presentazione di dichiarazione nulla (ai fini IRES-IRPEF/IRAP/IVA), l’avviso di accertamento poteva essere invece notificato fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata.

 

Termini per l’accertamento in caso di omessa presentazione della dichiarazione o presentazione di dichiarazione nulla

Questi termini sono mutati, per volontà del legislatore, per gli avvisi di accertamento e rettifica relativi al periodo d’imposta in corso alla data del 31.12.2016 e ai periodi successivi.

Infatti, l’art. 1, comma 130,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it