Decreto Cura Italia: decadenza degli atti impositivi prevista per l'anno in corso

Per far fronte all’emergenza Corona Virus, il decreto legge Cura Italia prevede una serie di norme relative ad accertamenti e contenzioso tributario tese a stoppare i termini nel periodo di piena emergenza. La lettura del decreto è complessa e le norme non sempre sono organiche: proviamo allora a darne una lettura coordinata.
Ad esempio in merito alla proroga di due anni concessi all’Agenzia delle Entrate per controllare l’anno d’imposta 2015 (e 2014 qualora dichiarazioni non presentate) ed evitare così che vengano notificati atti relativi a quei periodi in questo complicato anno 2020.

decadenza atti impositiviDecadenza atti impositivi: il decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020, rispondendo all’esigenza di evitare che si proceda a notificare atti degli enti impositori e cartelle di pagamento in questo disastrato anno 2020, sposta in avanti gli ordinari termini di decadenza o prescrizione che imporrebbero di procedere, altrimenti, alla notifica.

Il Decreto ha stabilito dei termini di sospensione dei vari adempimenti e versamenti più brevi per il contribuente rispetto a quelli concessi al fisco, in contrasto con il principio di parità delle parti. In merito a questa situazione molte critiche sono state avanzate per non aver invece applicato il solo comma 1 dell’art. 12 D.Lgs. 159/2015: sospensione dei termini per l’Agenzia per un corrispondente periodo rispetto ai maggiori termini concessi ai contribuenti.

 

Decadenza atti impositivi: accertamento

La decadenza[1] degli atti impositivi prevista entro la fine del 2020 [2] è prorogata di due anni, e quindi ad esempio gli accertamenti ai fini dell’imposizione diretta e iva relativi al 2015 non decadranno il prossimo 31 dicembre ma alla fine del 2022.

Il D.L. cosiddetto Cura Italia (in Gazzetta Ufficiale serie generale n. 70 del 17 marzo 2020) con riferimento ai termini di prescrizione[3] e decadenza degli atti impositivi relativi all’attività degli uffici applica espressamente l’articolo 12 del Dlgs 159/2015.[4]

Ai sensi di tale norma precettiva, i termini che scadono entro il 31 dicembre dell’anno o degli anni durante i quali si verifica la sospensione dei versamenti a seguito di eventi eccezionali, sono prorogati fino al 31 dicembre del secondo anno successivo alla fine del periodo di sospensione.

In buona sostanza, ciò implica che il potere impositivo ai fini dell’imposizione diretta e dell’Iva che terminerà alla fine di quest’anno slitterà alla fine 2022.

Si pensi alle omesse dichiarazioni dell’anno 2014, alle cartelle conseguenti a controlli formali su dichiarazioni concernenti l’anno 2015.[5]

Il fisco avrà due anni di tempo in più per accertare le dichiarazioni e gli altri adempimenti dei contribuenti: i poteri di controllo e rettifica con scadenza alla fine del 2020 slitteranno infatti fino al 31 dicembre 2022.

Un allargamento temporale che si estende anche ai periodi pregressi e non ancora decaduti (ad esempio, l’intera annualità d’imposta 2015 o addirittura al 2014 in ipotesi di omessa dichiarazione).

 

Interpello

Si precisa che per tutte le istanze di interpello presentate nel periodo di sospensione (8 marzo 2020 – 31 maggio 2020) le relative risposte verranno fornite a decorrere dal primo giorno del mese successivo al termine del periodo di sospensione stesso.

La presentazione delle istanze potrà avvenire solo ed esclusivamente per via telematica tramite: invio per PEC per i residenti nel territorio dello stato.

Invio per posta elettronica ordinaria all’indirizzo seguente: div.contr.interpello@agenziaentrate.it per i non residenti ma domiciliati nel territorio dello stato

 

Decreto Cura Italia: il contenzioso

Per effetto dell’articolo 83 del decreto legge n. 18 del 17 marzo 2020 si intendono sospesi dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 [6]i termini per la notifica del ricorso introduttivo di primo grado innanzi alle Commissioni tributarie e il termine (di 90 giorni dalla data di notifica del reclamo) di cui all’articolo 17- bis, comma 2 del decreto legislativo n. 546/1992. [7]I termini per la notifica del ricorso introduttivo di primo grado innanzi alle Commissioni tributarie e il termine di 90 giorni di cui all’articolo 17- bis, comma 2 del decreto legislativo n. 546/1992 la sospensione opera sino al 15 aprile e non fino al 31 maggio.(esempio : per l’atto di accertamento notificato il 2\1 gennaio 2020 il calcolo dei 60 giorni per la proposizione del ricorso deve tener conto della sospensione dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020)

Ove il decorso del termine abbia inizio durante il periodo di sospensione, l’inizio stesso è…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA