Il debutto della mini IRES con qualche complicazione

Il debutto della mini IRES con qualche complicazioneLa soppressione di A.C.E. e superammortamento per i beni diversi da quelli del modello Industria 4.0 è stata accompagnata dall’introduzione di un’aliquota ridotta IRES del 15% che si applicherá su una base il cui processo di determinazione appare piuttosto articolato e complesso. Nell’articolo si è cercato di fornire una mappatura completa del processo di determinazione della base di calcolo della “mini IRES”.    

GENERALITA’

Il 2019 si apre con una novità che permetterà, a determinate condizioni, di fruire di una riduzione dell’aliquota IRES vigente di 9 punti percentuali riducendo, di conseguenza, l’aliquota IRES vigente del 24 % ad una più moderata aliquota del 15%.

Nella Legge n.145 del 31/12/2018 (più nota come Legge di Bilancio 2019) all’art. 1, commi da 28 a 30, sono contenute le disposizioni che regolano questa agevolazione fiscale che va a sostituire l’A.C.E. (Aiuto alla Crescita Economica) e il superammortamento per i beni materiali ammortizzabili nuovi diversi da quelli modello Industria 4.0, il primo abrogato con effetto dal 31/12/2018 e il secondo con una piccola coda di applicatività che può andare fino al 30/06/2019, a condizione che entro il 31/12/2018 sia stato confermato l’ordine di acquisto e pagato un acconto di almeno il 20% della spesa programmata.

È noto che l’A.C.E. era un’agevolazione che premiava i processi di capitalizzazione delle imprese, nella misura dell’1,50% per l’anno 2018, poteva esser fruita dalle società che riuscivano a presentare un incremento del patrimonio netto fondato sull’accantonamento di utili in riserve disponibili e/o sui conferimenti di liquidità dei soci, i primi assunti in misura fissa e i secondi assunti in 365 esimi nell’anno di effettuazione.

L’incremento veniva misurato, per i soggetti IRES, avendo riguardo alla misura del patrimonio netto calcolato alla data del 31/12/2010 (data che rimaneva fissa nel tempo) ovvero alla più recente data di costituzione della società.

Il superammortamento, invece, si concretizzava nella maggiorazione fiscale del costo ammortizzabile (che pur non essendo rilevante ai fini inventariali, produceva maggiori quote di ammortamento fiscalmente deducibili) che nella ultima versione era del 30%.

Due misure di semplice applicazione che scompaiono per essere sostituite da una nuova misura che va sotto la definizione di “mini IRES”. La lettura della norma istitutiva evidenzia subito una certa difficoltà di applicazione soprattutto per via delle informazioni che devono essere acquisite da diversi uffici della stessa azienda e delle elaborazioni conseguenti.

GLI ELEMENTI DELLA MINI IRES

La determinazione della “mini IRES” richiede un confronto tra l’ammontare degli utili dell’esercizio precedente destinati a riserve diverse da quelle non disponibili e la sommatoria degli “investimenti” e del “costo del personale” assunto al 01.08.2018, assumendo tra i due valori quello con il minor importo. Il debutto della mini IRES con qualche complicazioneIl debutto della mini IRES con qualche complicazione

Casistica

Vediamo alcuni esempi di applicazione della nuova norma agevolativa:

Il punto di partenza è la corretta determinazione delle variabili a confronto che da una parte (parametro a) richiedono la determinazione degli utili destinati a riserve disponibili e dall’altro la determinazione della sommatoria di investimenti e costo del lavoro di cui alla voce B 9) dell’art. 2425 codice civile.

Parametro (A) Utili a riserve diverse da quelle non disponibili:

Si tratta degli utili relativi al bilancio chiuso al 31/12/2018, accantonati a riserva, esclusi gli accantonamenti a riserve non disponibili, al netto delle riduzioni di capitale con attribuzione ai soci a qualunque titolo. Sono esclusi gli utili che nascono da processi di valutazione. Si ipotizzi che nel nostro caso il valore degli utili accantonati a riserve diverse da quelli non disponibili sia di 500.

Parametro (B.1) componente investimenti:

Per investimenti si intendono:

  • la realizzazione di nuovi…
Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it