Concordato preventivo: il compenso del commissario giudiziale

di Sandro Cerato

Pubblicato il 29 aprile 2014

in una procedura di concordato preventivo la liquidazione del compenso del Commissario Giudiziale, in caso di nomina di un collegio di Commissari, non potrà comunque eccedere l’importo fissato per un unico commissario

Nell’ambito della procedura di concordato preventivo, un ruolo di fondamentale importanza è quello assunto dal commissario giudiziale, nominabile dal tribunale, alternativamente, in sede di ammissione alla procedura di concordato preventivo (art. 163, c. 2, n. 3 L.Fall.), oppure in sede di fissazione, a seguito della presentazione della domanda di concordato preventivo “in bianco” (art. 161, c. 6, L. Fall.), del termine per il successivo deposito del piano, della proposta e della relativa documentazione, così come recentemente previsto dall’art. 82 del D.L. 21 giugno 2013 n. 69 (c.d. Decreto “del fare”).

La figura del commissario Giudiziale nella procedura di concordato in bianco è stata oggetto di dettagliata analisi da parte dell’IRDCEC (Circolare n. 03.03.2014 n. 38/IR) la quale ha esaminato, tra gli altri, alcuni aspetti inerenti la nomina e le modalità di determinazione del compenso spettante a tale