Le vendite con patto di riscatto

nelle vendite con patto di riscatto il venditore può esercitare il diritto di riscatto al massimo entro due anni se si tratta di cosa mobile ed entro cinque anni se si tratta di cosa immobile. Il venditore che riscatta la cosa venduta è tenuto alla restituzione del prezzo, ed al rimborso delle spese e delle riparazioni sostenute dal compratore, nonché delle spese incrementative. Il metodo di contabilizzazione da utilizzare per le vendite con patto di riscatto deve considerare prevalente la sostanza dell’operazione sulla forma contrattuale da questa assunta. Se al momento della vendita non è prevedibile l’esercizio del diritto di riscatto, la vendita viene contabilizzata seguendo le regole stabilite per le vendite normali; se invece questo tipo di contratto viene utilizzato per raggiungere altri scopi, la contabilizzazione deve avvenire sulla base della sostanza economica dell’operazione, vale a dire considerando l’operazione come un prestito di beni

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it