Le spese di rappresentanza, alberghi e ristoranti: alcuni casi pratici (parte I)

di Stefano Sirocchi

Pubblicato il 21 aprile 2009

accade di frequente che imprese e professionisti sostengano spese di vitto, alloggio e rappresentanza nello svolgimento della propria attività lavorativa. Storicamente tali costi erano considerati con sospetto dall’Amministrazione e dai verificatori. L’attuale quadro normativo, invece, offre maggiori certezze nell’applicazione della disciplina ed è senz’altro più favorevole ai contribuenti
Scarica il documento