Rapporti di lavoro irregolari: adempimenti per l’emersione

di Antonella Madia

Pubblicato il 24 maggio 2021



Il Decreto Rilancio ha dato la possibilità di regolarizzare anche ex post dei rapporti di lavoro non regolari; ora, con la nuova prassi vengono fornite istruzioni sull’autorizzazione all’apertura della corrispondente matricola aziendale ma anche relativamente alla data di decorrenza dell’istanza di emersione di tale rapporto di lavoro.

Rapporti di lavoro irregolari: premessa

emersione lavoro irregolareA seguito delle prime istruzioni fornite l’11 settembre 2020 con la Circolare n. 101 dell'Istituto Previdenziale, ora l'INPS ritorna sull'argomento dell’emersione del lavoro irregolare fornendo chiarimenti relativamente ad alcuni aspetti concernenti gli adempimenti che i datori di lavoro sono tenuti a svolgere per l'effettiva emersione del rapporto di lavoro irregolare ai sensi dell'articolo 130 del Decreto Legge 34/2020 convertito con modificazioni dalla Legge 17 luglio 2020 n. 77.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...Emersione lavoro irregolare: chiarimenti sul contributo forfettario

 

Istruzioni per apertura matricola per emersione del lavoro irregolare

Ad integrazione delle istruzioni precedentemente impartite con la Circolare n. 101/2020, l'Istituto Previdenziale specifica con tale nuovo documento di prassi che i datori di lavoro che siano già in possesso di una posizione contributiva presso l’INPS, devono rivolgersi alla struttura territorialmente competente dell’Istituto al fine di richiedere l'apertura di un'apposita matricola aziendale per la quale però non sarà possibile utilizzare la procedu