Legge di Bilancio 2021: agevolazioni contributive per le assunzioni delle donne

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 10 febbraio 2021



La legge di Bilancio 2021 ha introdotto per i datori di lavoro che assumono “donne disoccupate o prive di impiego” uno sgravio sui contributi previdenziali e sui premi INAIL per le assunzioni a tempo indeterminato.
In quali casi spetta l'agevolazione? Quali sono i limiti?

Agevolazioni contributive per assunzioni donne: premessa generale

agevolazioni contributive assunzioni donneLa legge di Bilancio n. 178-2020 ha introdotto per i datori di lavoro (imprese e professionisti) che assumono donne disoccupate o prive di impiego uno sgravio sui contributi previdenziali e sui premi INAIL nella misura del 100% e nel limite massimo di importo di 6.000 euro/anno per le assunzioni a tempo indeterminato.

Nota: l'agevolazione spetta solo in caso di assunzione con contratto di lavoro a tempo indeterminato ovvero per le trasformazioni a tempo indeterminato di un contratto a tempo determinato.

L'efficacia dell'incentivo contributivo é subordinato all’autorizzazione della Commissione europea ed è concesso nei limiti e alle condizioni sugli aiuti di Stato.

 

Sull'argomento abbiamo pubblicato anche:

Assunzione di donne: sgravio contributivo totale per il 2021 e il 2022

Assunzione donne: sgravio contributivo nella nuova Legge di Bilancio

 

I punti principali in materia di assunzione delle donne a se