La sospensione dell'attività di riscossione: preavviso di fermo e di iscrizione ipotecaria

Il Decreto “Cura Italia”, come osservato anche dalla Corte dei Conti, è di difficile lettura.
In questo articolo facciamo chiarezza sulla sospensione dell’attività di riscossione prevista dall’8 marzo al 31 maggio, puntando il mouse sui casi di fermo amministrativo e rottamazione ter.

sospensione dell'attività di riscossione

Sospensione attività riscossione: le FAQ dell’Agenzia delle entrate Riscossione

Il preavviso di fermo

In merito alla sospensione dell’attività di riscossione, alcune questioni sono state risolte da Agenzia delle entrate Riscossione.

La diffusione delle soluzioni ai quesiti posti è stata effettuata con la pubblicazione delle FAQ sul proprio sito.

In questo modo, la diffusione risulta più veloce rispetto ai canali che vengono tradizionalmente utilizzati per affrontare le diverse problematiche che si pongono a stretto ridosso dell’approvazione di un nuovo provvedimento.

Agenzia delle entrate Riscossione ha affrontato il tema relativo alla ricezione di un preavviso di fermo amministrativo.

L’attività di riscossione è sospesa fino al 31 maggio prossimo, ma il contribuente, nel porre la domanda, si preoccupava del fatto che dopo il preavviso potesse scattare l’applicazione del provvedimento del fermo.

La FAQ n. 7 si è espressa negativamente.

L’Agenzia ha confermato che la sospensione dell’attività di riscossione opera in ogni caso e risulta ininfluente la ricezione del preavviso di fermo.

La medesima soluzione è valida nell’ipotesi in cui il contribuente abbia ricevuto un preavviso di iscrizione ipotecaria.

Le azioni esecutive si avvieranno, però, successivamente al 31 maggio.

Dal 1° giugno in avanti sarà possibile iscrivere il fermo oppure l’ipoteca.

 

L’iscrizione del fermo

La FAQ n. 8 ha affrontato un’ulteriore fattispecie riguardante i contribuenti che, prima ancora della sospensione dell’attività di riscossione, hanno ricevuto la notifica di un provvedimento di fermo amministrativo.

A tal proposito è stato domandato all’Agenzia delle Entrate Riscossione se, anche durante il periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 maggio, fosse possibile disporre il pagamento per ottenere la “cancellazione” del fermo.

La risposta è stata positiva, anche se è presumibile che tutte le attività “ordinarie” siano comunque fortemente rallentate.

 

Sospensione attività riscossione: la Rottamazione – ter

La FAQ n. 10 ha affrontato il tema della scadenza della prossima rata riguardante la Rottamazione – ter.

Agenzia delle entrate riscossione ha chiarito come l’art. 68 del D.L. n. 18/2020 non abbia effettuato alcuna modifica per ciò che riguarda la Rottamazione – ter.

L’unico intervento consiste nella rimessione in termini per i contribuenti che hanno omesso di effettuare il pagamento della rata avente scadenza il 28 febbraio 2020.

In tal caso, a seguito di tale intervento, il contribuente evita la decadenza che avrebbe tra l’altro determinato l’impossibilità di accedere anche ad un piano di rateazione ordinario.

 

Per ulteriori approfondimenti leggi anche Accertamento e riscossione tributaria: sospensione e differimento dei termini per Emergenza CoronaVirus” >>

 

A cura di Nicola Forte

Sabato 4 aprile 2020

 

La sospensione dei termini dopo il Decreto Cura Italia

21 Slides in PDF
slides La sospensione dei termini dopo il Decreto Cura Italia

Per rispondere all’emergenza CoronaVirus, il Decreto Cura Italia è intervenuto con varie norme che hanno sospeso in modo non omogeneo i termini relativi ad:

– accertamento
– contenzioso tributario
– e riscossione.

Per venire incontro alle esigenze dei lettori, abbiamo preparato un dossier in 21 slides che riassume i nuovi termini con utili schemi.

SCARICALE SUBITO >>

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it