Redditi 2018: compilazione del Quadro RR per artigiani, commercianti e iscritti alla Gestione Separata

L’INPS ha fornito le istruzioni in ordine alle modalità di compilazione del Quadro RR del modello “REDDITI 2018” cui devono attenersi i soggetti iscritti alle Gestioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali, nonché i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata. Le istruzioni forniscono un utile strumento per la corretta compilazione del Quadro RR, con l’indicazione specifica di ciascuna casistica.

Con Circolare n. 82/2018 l’INPS ha fornito le istruzioni in ordine alle modalità di compilazione del Quadro RR del modello “REDDITI 2018” cui devono attenersi i soggetti iscritti alle Gestioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali, nonché i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, della legge n. 335/95. Le istruzioni così forniscono un utile strumento per la corretta compilazione del Quadro RR, con l’indicazione specifica di ciascuna casistica.

***

Il Quadro RR: istruzioni dall’INPS

Con l’avvicinamento del periodo della dichiarazione dei redditi, l’INPS ha fornito specifiche istruzioni in merito alla compilazione del Quadro RR del modello Redditi 2018, per la Gestione artigiani e commercianti e per la Gestione Separata. A tali istruzioni devono attenersi i soggetti iscritti alla gestione previdenziale degli artigiani e degli esercenti attività commerciali, così come i lavoratori autonomi iscritti alla Gestione Separata di cui all’articolo 2, comma 26, L. n. 335/1995.

L’obbligo

L’articolo 10, comma 1, D.Lgs. n. 241/1997 dispone che i soggetti iscritti all’INPS per il versamento dei propri contributi previdenziali (eccetto il caso dei coltivatori diretti) devono determinarne l’ammontare da versare nella propria dichiarazione dei redditi. Il successivo articolo 18, comma 4, prevede poi che i versamenti a saldo e in acconto dei contributi dovuti agli enti previdenziali da parte di tali soggetti, devono essere effettuati entro gli stessi termini che sono previsti per il versamento delle somme dovute in base alla dichiarazione dei redditi.

A quanto detto va aggiunto che il Provvedimento prot. n. 24844 del 30 gennaio 2018 del Direttore dell’Agenzia delle Entrate – con il quale è stato approvato il modello Redditi 2018 PF per il periodo d’imposta 2017 – ha previsto il Quadro RR, obbligatorio per:

  • iscritti alle Gestioni speciali degli artigiani e dei commercianti (esercenti attività commerciali e terziario);
  • iscritti alla Gestione Separata liberi professionisti (lavoratori autonomi che determinano il reddito di arte e professione e sono iscritti alla gestione separata di cui all’articolo 2, comma 26, l. N. 335/1995).

Con la Circolare n. 82 del 14 giugno 2018, anche l’INPS ha fornito istruzioni sulla compilazione, in ordine da garantire una corretta gestione del Quadro RR.

La compilazione per artigiani e commercianti

Con riferimento ai contributi dovuti per l’anno 2017 da parte di:

  • titolari di imprese artigiane e commerciali;
  • soci titolari di una propria posizione assicurativa tenuti al versamento di contributi previdenziali;

sia per sé stessi, sia per le persone che prestano attività lavorativa nell’impresa – ad esempio familiari collaboratori – sarà necessario compilare la sezione I del Quadro RR del modello Redditi PF 2018.

Si ricorda in tale sede che qualora emergano debiti a titolo di contributi dovuti sul minimale di reddito e il contribuente intende regolarizzare la propria posizione con modello F24, sarà necessario riportare nel Quadro la codeline del titolare (cioè quella prevista per i contributi sul minimale di reddito).

A tal proposito è opportuno fare un riferimento all’individuazione del reddito imponibile da assoggettare all’imposizione dei contributi previdenziali: l’INPS nel messaggio n. 82 rimanda direttamente alle precisazioni che sono state fornite dallo stesso Istituto Previdenziale con Circolare n. 102 del 12 giugno 2003: infatti il reddito che dovrà essere preso in considerazione è quello dato dal totale dei redditi di impresa conseguiti nel 2017, al netto delle eventuali perdite dei periodi di imposta precedenti, scomputate dal reddito dell’anno. Per quanto riguarda i soci di Srl iscritti alla gestione degli artigiani e dei commercianti, la base imponibile sarà data dalla parte del reddito di impresa della Srl corrispondente alla quota di partecipazione agli utili,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it