Nuova rendita catastale: obbligo di notifica pena l’inefficacia della stessa

La rettifica di una nuova rendita catastale da parte dell’ufficio finanziario comporta la  notifica della medesima, pena l’inefficacia della stessa.
L’omessa notificazione dell’attribuzione o rettifica della rendita, adottata a partire dal 1° gennaio 2000, rende nullo l’accertamento emesso dall’ente locale ai fini ICI (Cass. ord. n. 22789/2017).
 
La decisione in parola fornisce la corretta interpretazione della norma contenuta nell’art. 74 della Legge n. 342/2000 secondo cui l’atto attributivo o modificativo delle rendite catastali per terreni e fabbricati “sono efficaci solo a decorrere dalla loro notificazione” ai soggetti intestatari da parte dell’Ufficio del Territorio (ora Agenzia delle entrate-territorio). La notifica, pertanto, deve essere eseguita dall’Ufficio del Territorio competente che deve darne tempestiva comunicazione agli enti locali …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it