La notifica dell’avviso bonario: le responsabilità del Commercialista

di Davide Di Giacomo

Pubblicato il 22 novembre 2017

in caso di notifica tramite intermediario, l’onere di provare l’omessa notificazione dell’avviso bonario grava sul commercialista-intermediario il quale è tenuto a risarcire il danno provocato al cliente per eventuali sanzioni tributarie dipendenti esclusivamente dalla condotta rilevante del professionista

Commercialista Telematico | Software fiscali, ebook di approfondimento, formulari e videoconferenze accreditateL’onere di provare l’omessa notificazione dell’avviso bonario grava sul commercialista il quale è tenuto a risarcire il danno provocato.

Quanto precede è contenuto nella recente sentenza n. 26823/2017 della Cassazione da cui emerge che non sarebbe possibile addossare al danneggiato (società) la prova di un fatto negativo come l’omessa notifica di un atto che, in positivo, costituisce elemento della fattispecie posta dal danneggiante (professionista) come propria eccezione.

Il principio della diligenza nello svolgimento dell’incarico da parte del professionista è uno dei capisaldi del quarto libro delle obbligazioni ed, in particolare dell’art. 1176 c.c.. Questo prevede che il debitore, nell’adempimento dell’obbligazione, deve usare la diligenza del buon padre di famiglia, nonché al secondo comma stabilisce che che nell’adempimento delle obbligazioni inerenti all’esercizio di un’attività professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell’attività esercitata.

Re