I bitcoin, moneta virtuale sempre più utilizzata

di Giovambattista Palumbo

Pubblicato il 5 novembre 2016

i Bitcoin sono una moneta virtuale, il cui utilizzo è costantemente in crescita; l'Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito che il loro utilizzo può generare obblighi tributari, ad esempio la tassazione del reddito da intermediazione, e sorgono anche i primi dubbi da risolvere: vanno inseriti nel quadro RW? Si può usufruire della voluntary disclosure?

Il sistema Bitcoin (nato nel 2009 dall'idea del fantomatico Satoshi Nakamoto1) si basa sull’assenza di un’entità regolatrice e su una versione decentralizzata di denaro elettronico, peer-to peer, che consente ai pagamenti di essere effettuati direttamente tra una parte e l’altra senza dover passare per il tramite di un istituto finanziario2.

Utilizzare Bitcoin è del resto estremamente semplice.

Basta installare un Bitcoin Wallet3 in un computer o dispositivo mobile e comprare bitcoin da uno dei principali centri di scambio online.

tassazione criptovalute e bitcoin in italia

Tali tipi di transazioni sono peraltro del tutto trasparenti al pubblico e chiunque può verificarle, accedendo ad un registro pubblico condiviso, chiamato Public Ledger e che svolge le funzioni di un pubblico registro, in cui ogni utente viene classificato mediante un codice alfanumerico (comunque non riconducibile al suo proprietario).

 

Tale registro è comunemente noto con il nome di Block Chain, poiché letteralmente composto da una catena di blocchi.
Ogni blocco archiviato nella Block Chain è ordinato cronologicamente e contiene l'insieme delle transazioni confermate dal mining in un preciso arco temporale.
Il mining è un processo che mira a confermare transazioni di Bitcoin (sostanzialmente creandoli) mediante complessi calcoli matematici eseguiti da potenti computer.
I miners, assieme ai nuovi bitcoin così “creati”, ricevono in cambio un compenso sulle transazioni che riescono a confermare: la prima transazione che viene memorizzata in un blocco della catena è una transazione che dà vita ad un nuovo “gettone” Bitcoin,