La class action entra nel rito tributario

La “class action” entra nel rito tributario.
Secondo La Corte di Cassazione (sentenza n. 4490 del 22.02.2013) è legittimamente proponibile un unico ricorso cumulativo da parte di diversi contribuenti contro diverse cartelle di pagamento ove le stesse abbiano ad oggetto identica questione, in quanto nelle disposizioni che regolano il processo tributario non vi sono norme che impediscano l’azione giudiziaria cumulativa. Con una interessante ed articolata sentenza, gli Ermellini affrontano nuovamente la controversa questione della legittimità dei ricorsi cumulativi nel rito tributario, schierandosi definitivamente dalla parte dei contribuenti e dell’abbattimento delle spese legali e, comunque, sposando la tesi già sostenuta in precedenti pronunciamenti che, tuttavia, limitavano la riunione ai casi in cui il ricorso era fondato su questioni di …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it