Agevolazioni prima casa anche per i lavoratori a tempo determinato

di Federico Gavioli

Pubblicato il 28 febbraio 2013

le agevolazioni sulla prima casa sono previste anche per chi ha un contratto di lavoro a tempo determinato, precisando che il beneficio dell’agevolazione può essere concesso a prescindere dal tipo di attività lavorativa svolta

Con la risposta all’interrogazione parlamentare n.5/08387 del 7 novembre scorso, il Ministero delle Finanze, tramite il suo viceministro, ha chiarito che le agevolazioni sulla prima casa sono previste i anche per chi ha un contratto di lavoro a tempo determinato, precisando che il beneficio dell’agevolazione può essere concesso a prescindere dal tipo di attività lavorativa svolta, includendo anche le attività di volontariato, studio o attività sportiva. Se si acquista una prima casa da un’impresa, si dovrà pagare l’Iva al 4 per cento, quindi con l’aliquota ridotta mentre se l’acquisto viene effettuato da parte di un privato, si pagherà l’imposta di registro con aliquota ridotta al 3 per cento anziché al 7 per cento.

 

L’istanza posta al Ministro dell’Economia

L’istanza posta al Ministro dell’Economia e delle Finanze è basata sul contenuto della nota 2-bis) dell'articolo 1 della tariffa, parte prima, allegata al testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131; tale norme permette di accedere alle agevolazioni sull'imposta di registro al 3 per cento per l'acquisto della «prima casa» a patto che «l'immobile sia ubicato nel territorio del comune in cui l'acquirente ha o stabilisca entro un anno dall'acquisto la propria residenza o, se diverso, in quello in cui l'acquirente svolge la propria attività».

La norma è stata interpretata dall'Agenzia delle Entrate in modo tale che il lavoratore deve avere un contratto a tempo indeterminato per poter accedere all'agevolazione; l'agevolazione non decade se il lavoratore a tempo indeterminato perde il proprio lavoro; tale interpretazione determina un'evidente disparità tra la