La corretta documentazione processuale

l’accertamento è nullo se l’amministrazione finanziaria produce in giudizio contro il contribuente soltanto uno stralcio del processo verbale di constatazione della Guardia di Finanza?

Prova documentale

E’ d’uopo premettere che quella documentale è la prova per eccellenza del processo tributario e che il concetto o accezione di documento è inteso in senso lato, fino a ricomprendere anche le perizie tecniche di parte le fotografie ed i nastri magnetici. Il processo tributario è conformato dal legislatore, sia sotto l’aspetto probatorio che difensivo, come processo documentale (in tal senso Corte Costituzionale, sen. n. 141 del 23 aprile 1998).

 

Processo verbale di constatazione :prova documentale anche nei confronti di soggetti non destinatari della verifica fiscale.

Il processo verbale di constatazione costituisce una prova documentale essenziale ai fini dell’evasione fiscale, anche nei confronti di soggetti non destinatari della verifica. Il giudice può ricorrere legittimamente al verbale redatto dalla Guardia di Finanza al fine della determinazione dell’imposta evasa come prova del reato di dichiarazione infedele, nonché utilizzare l’accertamento induttivo quando le scritture contabili non sono tenute o irregolarmente tenute (Cass. n. 28053/2011). Il processo verbale di constatazione redatto dalla Guardia di finanza, in quanto atto amministrativo extraprocessuale, costituisce prova documentale anche nei confronti di soggetti non destinatari della verifica fiscale. Tuttavia, qualora emergano indizi di reato, occorre procedere secondo le modalità previste dal codice di rito altrimenti la parte del documento redatta successivamente a detta emersione non può assumere efficacia probatoria e, quindi, non è utilizzabile.(Cass. pen. Sez. III, 09-02-2011, n. 28053)

 

Onere dell’ufficio

E’ onere dell’ufficio portare a conoscenza dell’altra parte tutti gli atti rilevanti ai fini della decisione e tra questi rientra il verbale di constatazione redatto dai militari. Nel corso del giudizio incombe all’ufficio finanziario l’onere della prova circa la presentazione del verbale emesso dalla Guardia di Finanza. E’ ius receptum (Cassazione civile Sentenza, Sez. V, 18/01/2006, n. 905) che spetta al fisco – nel quadro dei generali principi che governano l’onere della prova – dimostrare l’esistenza dei fatti costitutivi della (maggiore) pretesa tributaria azionata, fornendo quindi la prova di elementi e circostanze a suo avviso rivelatori dell’esistenza di un maggiore imponibile, mentre il contribuente, il quale intenda contestare la capacità dimostrativa di quei fatti, oppure sostenere l’esistenza di circostanze modificative o estintive dei medesimi, deve a sua volta dimostrare gli elementi sui quali le sue eccezioni si fondano. Nell’ambito del rapporto d’imposta spetta al fisco l’onere di provare i fatti costitutivi della pretesa erariale(Cassazione sez. V sentenza n. 07439 del 14/05/2003) mentre incombe sul contribuente la prova del fatto modificativo ed estintivo dell’obbligazione tributaria.

 

Produzione solo dello stralcio

L’accertamento è nullo per evidenteimpossibilità di esercitare il diritto di difesa,se l’amministrazione finanziaria produce in giudizio contro il contribuente soltanto uno stralcio del processo verbale di constatazione della Guardia di Finanza (Corte di Cassazione, sez. VI Civile – T, ordinanza n. 5020 depositata il 28 marzo 2012). La prova dei fatti posti a fondamento della pretesa impositiva non può essere costituita dalla sola produzione di uno stralcio del processo verbale di constatazione redatto dalla Guardia di finanza, qualora tale atto contenga solo affermazioni e giudizi dei verbalizzanti non dimostrati e privi di obiettivi riscontri probatori documentali (CTP Bologna Sez. I, 05-01-2006, n. 216). E’ del tutto illegittimo un accertamento che sia stato fondato soltanto sullo stralcio di un più ampioprocesso verbale di contestazione elevato dalla guardia di finanza a carico di soggetti diversi dal contribuente accertato, e del quale l’ufficio finanziario non abbia potuto riscontrare la veridicità, disponendo soltanto dei predetti stralci, recepiti acriticamente, e per di più in…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it

Emergenza COVID-19

Gentile Lettore,
Commercialista Telematico ha deciso di mantenere attivi tutti i suoi servizi per informare e supportare tanti professionisti e imprese in questo difficile momento e ugualmente è impegnato nell’attuare le misure di contrasto alla diffusione del coronavirus a protezione dei propri dipendenti e collaboratori. Pertanto, qualora ne avessi necessità, ti invitiamo a utilizzare la comunicazione via e-mail anziché quella telefonica.
Ti risponderemo ai seguenti indirizzi: info@commercialistatelematico.com o ecommerce@commercialistatelematico.com

#IORESTOACASA