Il contratto di leasing: aspetti operativi e contabili

Sommario

Il contratto d leasing è un contratto atipico che riassume le caratteristiche di tre contratti tipici: la locazione, il mutuo e la vendita a rate.  La  forma più comunemente usata nella pratica aziendale, si denomina locazione finanziaria (o leasing finanziario). 
Gli  standard  contabili internazionali, in  ossequio  al  principio  della  «prevalenza della sostanza sulla forma», inquadrano l’acquisizione di un bene strumentale in leasing
finanziario, del tutto equivalente all’acquisto di un bene strumentale di proprietà con finanziamento.

Sul punto la  Cassazione,  ancora  oggi,  in conformità  alla concezione patrimonialistica del bilancio, ritiene illegittima la pratica di iscrivere i beni in leasing, nel bilancio dell’impresa utilizzatrice, come immobilizzazioni materiali nell’attivo e come debito di finanziamento nel passivo, prima dell’esercizio del diritto di riscatto. Per cui dovendo adempiere alle prescrizioni di cui all’art. 2427 punto 22) del codice civile, occorre fornire queste informazioni in Nota Integrativa.  

Aspetti preliminari del contratto di leasing

Il  termine  leasing  deriva  dal  verbo  inglese  to lease che significa affittare.  La  matrice  terminologica  del  contratto  attiene  dunque  all’acquisizione  in  uso  del  bene  ossia  alla 
locazione. Nella pratica aziendale, come detto in premessa, il contratto presenta i caratteri di tre  contratti  tipici:  il contratto di locazione,  il contratto di vendita con patto di riservato
dominio  e  il contratto di mutuo.  Ed  è  in  virtù  di  queste  caratteristiche  che  gli  IAS/IRFS considerano il leasing una  formula di acquisizione di immobilizzazioni con  finanziamento, in
antitesi alla concezione patrimonialistica del bilancio, che considera il leasing un contratto che ha per oggetto l’uso di beni di terzi.   
Esistono diverse forme di leasing che possiamo riassumere in: 

1. leasing finanziario:  che  costituisce  la  forma  di  leasing  più  utilizzata  nella  pratica aziendale  e  che si  sostanzia  nell’acquisizione di un bene strumentale con una formula del tutto simile a quella  ell’acquisto in proprietà con contrazione di mutuo; 
2. leasing operativo:  che  rappresenta  una  forma  di  leasing,  avente  caratteristiche analoghe al noleggio di beni strumentali; 
3. leasing agevolato:  formula  che  consente  alle  imprese  utilizzatrici  di  godere  di sconti sugli oneri finanziari  previsti  dal  contratto,  ove  vengano  ammesse  a  sovvenzioni  di 
carattere  regionale,  nazionale  o  comunitario  che  finanzino  l’acquisizione  di immobilizzazioni. 

La nostra analisi si concentrerà su tutte le forme di leasing, dedicando particolare attenzione alla gestione contabile del leasing finanziario, vista dal lato dell’utilizzatore.  

Nella  grafica  che  segue,  viene  descritto il  rapporto  trilaterale,  che  si istituisce  con il leasing finanziario. ==> CONTINUA… LEGGI LA VERSIONE INTEGRALE – 19 pagine – NEL PDF QUI SOTTO==>

***

Potrebbe interessarti anche: La corretta contabilizzazione dei canoni di leasing: attenzione ai lati oscuri

Scarica il documento allegato
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it