Lavori a rischio caldo: l’INL aumenta la vigilanza

di Angelo Facchini

Pubblicato il 2 agosto 2022

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro intensifica i controlli nei settori più esposti a rischio “caldo”.  Con un comunicato stampa del 25 giugno 2022 l’Ispettorato specifica che, in assenza di idonee misure di prevenzione, le elevate temperature possono essere causa di malori e ridurre la capacità di attenzione del lavoratore e quindi aumentare il rischio di infortuni. Sono allertati coloro che svolgono l'attività lavorativa all'aperto, come edili e agricoli, unitamente a coloro che sono impegnati in ambienti chiusi senza ventilazione adeguata.