IMU e TASI: il ravvedimento operoso

di Angelo Facchini

Pubblicato il 9 dicembre 2019

IMU e TASI sono in scadenza della seconda rata il prossimo 16 dicembre. Il decreto fiscale 2020 rivede la possibilità di ravvedimento operoso delle imposte allungandone i termini. Allo stato attuale è possibile beneficiare del ravvedimento operoso fino ad un anno dalla scadenza della seconda rata. Pertanto, entro il 16 dicembre si può ancora sanare l’irregolarità del 2018. La sanzione ordinaria è pari al 30% dell’importo dei tributi, il ravvedimento super veloce, entro 14 giorni dal termine stabilito, diminuisce la sanzione allo 0,1% dell’importo giornaliero più interessi. A seguire, la sanzione IMU e TASI da versare con il calcolo del ravvedimento va da un minimo di 1,5% ad un massimo del 3,75% dell’importo dovuto.