Le novità del Modello 730 2022

di Danilo Sciuto

Pubblicato il 7 febbraio 2022

Modello 730/2022: ecco tutte le modifiche intervenute che non modificano i campi e le caselle del modello 730, ma recepiscono le novità legislative soprattutto in tema di detrazioni.
Nell'articolo ricordiamo anche i casi in cui è possibile utilizzare il 730 anche senza sostituto di imposta.

Modello 730 2022: le principali novità

novità modello 730 2022L'Agenzia Entrate ha aprovato il modello 730 2022 relativo all’anno di imposta 2021. Vediamo allora di elencare le novità di quest’anno, che non portano alcuna modifica ai quadri.

 

Quadro C: Redditi di lavoro dipendente e assimilati

Nel quadro C, relativo ai redditi di lavoro dipendente e assimilati:

  • nella sezione V (Riduzione della pressione fiscale): dall’anno d’imposta 2021, l’importo annuale del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione è aumentato a 1.200 euro;
     
  • Nella sezione VI (detrazione per comparto sicurezza e difesa) l’importo della detrazione spettante agli appartenenti al comparto sicurezza è stato innalzato a 609,50 euro.

 

Quadri B e D: Altri redditi

Nei quadri B e D, relativi ai redditi di immobili e ai cc.dd. “Altri redditi”, si ha che il regime delle locazioni brevi (quadro B e rigo D4) dall’anno 2021 è applicabile solo ai contribuenti che destinano a locazione non più di quattro immobili.

 

Quadro E: Oneri e spese

Ma come ogni anno, le modifiche più numerose si trovano nel quadro E, dedicato agli “oneri e spese” per:

  • spese veterinarie (da indicare nei E8-E10, col codice 29), è stato innalzato a 550 euro il limite massimo delle spese veterinarie per cui è possibile fruire della relativa detrazione;
     
  • spese per i conservatori (da indicare nei righi E8-E10, col codice 45), è possibile fruire della detrazione del 19%, fino a un importo non superiore per ciascun ragazzo a 1.000 euro, solo se il reddito complessivo non supera 36.000 euro, per le spese sostenute per l’iscrizione dei ragazzi ai conservatori, agli AFAM, a scuole di musica iscritte nei registri regionali, nonché a cori, bande e scuole di musica riconosciuti da una Pubblica amministrazione, per lo studio e la pratica della musica;
     
  • recupero del patrimonio edilizio (di cui alla sezione III), è possibile fruirne anche per le spese di sostituzione del gruppo elettrogeno di emergenza esistente con generatori di emergenza a gas di ultima generazione;
     
  • colonnine di ricarica (di cui al rigo E56), per gli interventi di installazione iniziati nel 2021 sono previsti dei nuovi limiti di spesa;
     
  • bonus mobili (di cui al rigo E57), è innalzato a 16.000 euro il limite massimo delle spese per cui è possibile fruire della relativa detrazione;
     
  • c.d. superbonus (di cui alle sezioni III e IV), dall’anno d’imposta 2021, per le spese per l’abbattimento delle barriere architettoniche sostenute congiuntamente agli interventi sismabonus ed ecobonus, è possibile fruire dell'aliquota maggiorata del 110 per cento.

 

Quadro G: Crediti d'imposta

Nel quadro G, destinato ai crediti d’imposta:

  • per il credito d’imposta prima casa under 36 (di cui alla sezione VI), è possibile la fruizione in dichiarazione del credito d’imposta maturato dagli under 36 con ISEE non superiore a 40.000 euro per l’acquisto della prima casa assoggettato a IVA;
     
  • per bonus idrico (di cui alla sezione XIII, col codice 10), è possibile fruire in dichiarazione del credito d’imposta per i depuratori di acqua e riduzione consumo di contenitori in plastica.
Si rammenta che per avere il rimborso del conguaglio da 730 non è essenziale avere il sostituto di imposta.

Anche i contribuenti che nel 2021 hanno percepito redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e/o alcuni redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e che nel 2022 non hanno un sostituto d'imposta che possa effettuare il conguaglio (significa che il sostituto di imposta non deve esistere, perché se esiste è obbligatorio indicarlo e avere il rimborso da lui!) possono utilizzare tale modello; in questo caso nel riquadro "Dati del sostituto d'imposta che effettuerà il conguaglio" va barrata la casella "Mod. 730 dipendenti senza sostituto".

Sulla questione del sostituto di imposta non indicato benchè presente, rinviamo ad un articolo del 2018 dal titolo "Il 730 senza sostituto d’imposta: le criticità per l’intemediario in caso di dati non conformi", ancora attuale.

Solo nell’anno 2020 abbiamo infatti assistito ad una eccezione: dal 2021 tutto è tornato come è sempre stato.

 

Fonte: Provvedimento Agenzia Entrate Prot. n. 11185/2022 del 14 gennaio 2022.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...

Il 730 precompilato mette fretta agli amministratori di condominio

Anno 2022: fuga dal Modello 730?

 

A cura di Danilo Sciuto

Lunedì 7 febbraio 2022