Decreto Fiscale: novità in tema di riscossione

di Alberto De Stefani

Pubblicato il 10 dicembre 2021



In attesa della conversione in legge del Decreto fiscale, facciamo il punto sulle novità relative ai termini di pagamento delle cartelle e all'accertamento con adesione. In particolare: quali sono le novità in tema di rateazioni?

Decreto Fiscale riscossioneIl DL 146/2021, che dovrà essere convertito in legge entro il 21.12.2021, ha subìto ulteriori modifiche per quanto riguarda il differimento dei termini di pagamento delle cartelle e l’ampliamento dell’accertamento esecutivo.

Prima delle ultime modifiche, le cartelle notificate nell’ultimo quadrimestre 2021 (01/09/2021-31/12/2021) potevano essere pagate entro 150 giorni.

Con il recente emendamento, i giorni per poter pagare le cartelle notificate sempre negli ultimi mesi sono stati aumentati a 180.

Oltre alle cartelle, beneficiano del maggior termine anche gli accertamenti esecutivi e gli avvisi di addebito notificati da parte dell’INPS.

È bene ricordare che il differimento ha effetti solamente riguardo al termine di pagamento.

Nulla invece è cambiato per quanto riguarda il termine di impugnazione che resta fissato in 60 giorni dalla data di notifica.

 

I nuovi termini di impugnazione e pagamento

Nella tabella seguente vengono riportati alcuni esempi:

Tipologia atto
Data notifica
Termine pagamento
Termine impugnazione

Cartella di pagamento

29/11/2021

28/05/2022

28/01/2022

Cartella di pagamento

07/01/2022

08/03/2022

08/03/2022

Accertamento esecutivo

23/12/2021

21/06/2022

21/02/2022

Accertamento esecutivo

14/01/2022

15/03/2022

15/03/2022

 

Come già anticipato, occorre porre particolare attenzione ai termini di impugnazione, considerando che il legislatore non è intervenuto in tale ambito.

Occorre quindi valutare se fare opposizione entro i 60 giorni oppure pagare entro la scadenza dei 180 giorni concessi.

Le considerazioni fatte valgono esclusivamente per gli atti notificati dal 01/09/2021 al 31/12/2021; questo significa che per gli atti notificati dal 01.01.2022 ripartiranno a decorrere i consueti 60 giorni sia per l’impugnazione sia per la definizione.

 

Accertamento con adesione e mediazione fiscale

In ogni caso, il contribuente ha sempre la possibilità di presentare, in caso di notifica di un atto di accertamento, un’istanza di accertamento con adesione per sospendere i termini di impugnazioni per 90 giorni.

Ovviamente, tale possibilità è valida solo se l’atto non è stato preceduto da un invito a comparire ai sensi dell'art- 5-ter D.lgs. 218/97.

In caso contrario, il contribuente deve impugnare l’atto entro 60 giorni dalla data di notifica.

Per quanto riguarda invece gli atti con un valore della lite inferiore ai 50.000 euro, è possibile intraprendere la via del reclamo (art. 17-bis D.lgs. 546/92) e le imposte provvisorie devono essere versate al momento della costituzione in giudizio dopo che il reclamo o la mediazione proposta dall’ufficio non sono andate a buon fine.

 

Cosa cambia per le rateazioni?

Per concludere si propone una breve considerazione in merito alle rateazioni.

Se l’istanza di rateazione viene presentata entro il 31.12.2021, si decade dopo il mancato pagamento di 10 rate anche non consecutive, in luogo delle consuete 5 rate e si rientra nella situazione di temporanea difficoltà fino all’importo di 100.000 euro, dilazionabile in 72 rate.

Per le nuove istanze presentate a partire dal 01.01.2022, si ritorna alle regole consuete.

Si decade dopo il mancato pagamento di 5 rate anche non consecutive ed è possibile dilazionare il debito in 72 rate fino all’importo di 60.000 euro (situazione di temporanea difficoltà), oltre i quali invece è necessario effettuare il pagamento in 120 rate.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...

Decreto Fiscale: novità in tema di riscossione

Termini di pagamento delle cartelle e condizioni per la rateizzazione: alcune interessanti modifiche

Rottamazione e pagamenti rateali dopo il nuovo decreto fiscale: le istruzioni pratiche

Rottamazione ter e saldo e stralcio: entro il 6 dicembre i versamenti delle rate già scadute

Rateazioni cartelle: le possibilità di recupero per i ritardatari e le nuove decadenze

 

A cura di Alberto De Stefani

Venerdì 10 dicembre 2021

 

Questo intervento è tratto dalla circolare settimanale di CommercialistaTelematico:

Abbonamento annuale Circolari Settimanali

Circolare Settimanale Commercialista Telematico

per i clienti dello studio

Abbonandoti per un anno alle Circolari Settimanali, ogni settimana riceverai comodamente nella tua casella di posta elettronica una circolare con tutte le novità dei 7 giorni precedenti e gli approfondimenti di assoluta urgenza.

Le circolari settimanali sono in formato Word per essere facilmente modificabili con il tuo logo ed i tuoi dati e girate ai clienti del tuo studio.

SCOPRI DI PIU' >