Trattamenti di integrazione salariale estesi con il Decreto Sostegni

di Antonella Madia

Pubblicato il 11 maggio 2021



Con il decreto Sostegni è stato esteso il periodo di fruizione dei trattamenti di integrazione salariale Covid-19. Tale estensione ha però comportato una “zona grigia” nel periodo compreso tra la fine di marzo e la data del 1° aprile dalla quale decorrono i nuovi trattamenti. In attesa della conversione in Legge del Decreto, l’Istituto Previdenziale fornisce chiarimenti su come gestire in continuità la richiesta dei trattamenti in esame.

I trattamenti di integrazione salariale nel Decreto Sostegni: premessa

decreto sostegni integrazione salarialeIl Decreto Sostegni, D.L. n. 41 del 23 Marzo 2021, prevede specifiche misure volte a tutelare famiglie e imprese colpite gravemente dall’emergenza epidemiologica in corso. Con tale Decreto sono state introdotte numerose novità in materia di lavoro, allo scopo di sopperire alla grave crisi economica che stiamo attualmente vivendo.

Sugli argomenti trattati da parte del Decreto Sostegni si è già espresso l'Istituto Previdenziale con i primi chiarimenti in marzo 2021.

Successivamente l’INPS ha fornito chiarimenti più approfonditi, in particolar modo riguardo alla questione del periodo di tempo che – ai sensi della nuova normativa – sarebbe rimasto scoperto dal trattamento.

Quindi, allo scopo di far luce sulla questione, l’Istituto Previdenziale anticipa i tempi e fornisce, in attesa della conversione del Decreto in esame, chiarimenti su tale argomento.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...

Disoccupazione e bonus IRPEF: come inserirli in dichiarazione

Esonero alternativo alla cassa integrazione: chiarimenti

Ammortizzatori sociali 2021: sintesi dall’INPS

 

Le coperture del nuovo Decreto Sostegni

La lunga Circolare n. 72/2021 si occupa di fornire istruzioni per quanto riguarda tutte le novità trattate dal D.L. n. 41/2021: il provvedimento infatti contiene disposizioni che impattano