Sanzioni e risarcimento danni: deducibili dal reddito?

Manca una norma specifica circa la deducibilità o meno delle sanzioni amministrative dal reddito di impresa. L’Amministrazione finanziaria si è sempre pronunciata per la loro indeducibilità. Dello stesso avviso anche la giurisprudenza, ancorché non sempre univoca. La dottrina invece è per lo più per la tesi contraria, e quindi per la deducibilità delle sanzioni, essendo la violazione colpita necessariamente inerente alla stessa attività di impresa.

Sanzioni e risarcimento danni: premessa

sanzioni e risarcimento danni deducibili dal redditoManca una norma specifica relativa al trattamento da riservare alle sanzioni amministrative, in sede di determi­nazione del reddito d’impresa. E per certi versi anche relativamente al risarcimento danni. Sono o no deducibili dal reddito?

Nel tempo si è sviluppato un dibattito che vede contrapposte argomentazioni in favore dell’una o dell’altra tesi.

Ma si ha la sensazione che la questione sia trattata più su un piano etico piuttosto che su un piano prettamente giuridico/economico, come invece dovrebbe essere.

Talvolta paiono prevalere dichiarazioni di principio piuttosto che argomentazioni logiche.

L’Amministrazione finanziaria e la giurisprudenza maggioritaria sono orientate per la negazione della deducibilità delle sanzioni ai fini fiscali; al contrario, la dottrina è spesso pervenuta invece a conclusioni favorevoli circa la rilevanza fiscale delle stesse.

Primariamente, rientrando nell’alveo del reddito di impresa, si deve far riferimento al concetto d’inerenza: le sanzioni, come tutti gli oneri, potrebbero essere deducibili se sostenute in funzione dell’acquisto o dell’utilizzo di fattori produttivi (beni o servizi) funzionali alla produzione di reddito e allo svolgimento della stessa attività d’impresa.

In sintesi, appare necessario verificare se dal comportamento poi sanzionato siano derivati o comunque avessero potuto derivare dei redditi, e in quanto tali tassabili.

La problematica riguarda le sole sanzioni, e non anche gli interessi passivi dovuti alle eventuali dilazioni concesse sul pagamento delle sanzioni medesime.

Infatti gli interessi passivi rappresentano il costo strumentale alla realizzazione della scelta imprenditoriale sulla modalità di utilizzazione delle risorse finanziarie dell’impresa, e sono pertanto indiscutibilmente deducibili.

Diverso è il caso delle sanzioni penali, per le quali esiste invece una specifica normativa di riferimento, che in alcuni casi ne prevede la deducibilità, in altri no[1].

Il nostro intervento ha lo scopo di sollecitare un possibile approfondimento, sul tema, visto che la soluzione comunemente oggi data, indeducibilità tout court delle sanzioni, a nostro avviso non pare avere alcuna giustificazione giuridica, ma forse solo etica.

Sulla base dell’interpretazione comune, la sanzione diventa infatti doppia, piuttosto che sistema premiale, come invece da alcuni sostenuto.

 

Sanzioni e risarcimento danni deducibili: la tesi dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate con­sidera le sanzioni sempre e comunque estra­nee all’attività aziendale, in quanto sostiene essere una conse­guenza di comportamenti illeciti dell’impren­ditore, e perciò interamente indeducibili, a prescindere in ogni caso dal­la natura e anche dalla causa generatrice degli stessi.

L’ufficio ritiene che la natura punitiva delle sanzioni verrebbe svilita, trasformandola addirittura in un risparmio d’imposta, qualora fosse riconosciuta la loro deducibilità nella determinazione del reddito di mpresa,

Si tratta di un tema affrontato circa 20 anni fa dall’Amministrazione finanziaria (circolare 17 maggio 2000, n. 98/E e risoluzione 12 giugno 2001, n. 89/E) con riferimento al caso specifico delle sanzioni antitrust, ossia le sanzioni per violazione delle norme in materia di concorrenza di cui alla L. 10 ottobre 1990, n. 287.

Si tratta delle sanzioni che l’Autorità garante del mercato e della con­correnza commina qualora rilevi condotte (come, ad esempio, intese restrittive della libertà di con­correnza o abusi di posizione dominante) che compromettono e limitano l’altrui diritto di ini­ziativa economica tutelato dall’art. 41 della Co­stituzione, restringendo o falsando il gioco della concorrenza sul mercato.

E gran parte della giurisprudenza e anche della dottrina, ancorchè con esiti in parte discordi, si è occupata di questa specifica tipologia di sanzioni.

L’Agenzia delle Entrate ha evidenziato che,…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it