Regole di sorveglianza sanitaria e definizione di lavoratori fragili

di Antonella Madia

Pubblicato il 16 settembre 2020



Il Ministero del Lavoro chiarisce quali sono i soggetti che devono essere ritenuti fragili rispetto al rischio di contagio da Covid-19 e quali sono le misure da porre in essere per garantire una corretta sorveglianza sanitaria in azienda.

Sorveglianza sanitaria e definizione di lavoratori fragili: premessa

sorveglianza sanitaria lavoratori fragiliL’emergenza Covid-19 ha messo in luce diversi aspetti del rapporto di lavoro che è bene (e ora più che mai, è necessario) tenere sempre in debita considerazione prima e durante lo svolgimento dell’attività lavorativa, ossia la gestione di salute e sicurezza sul luogo di lavoro.

In particolare, un tema estremamente importante, sul quale si è recentemente focalizzato il Ministero del Lavoro con la Circolare n. 13 del 4 settembre 2020, riguarda la questione della sorveglianza sanitaria, e in particolar modo con riferimento ai lavoratori cd. fragili, per i quali viene fornita una specifica definizione.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...

Decreto Sostegni: le novità per i lavoratori fragili

Tutele per lavoratori fragili nel 2021

 

La sorveglianza sanitaria

La figura del medico competente, ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008, art. 25 e ss.mm. può andare a supportare il datore di lavoro nella fase di gestione dell’epidemia da Coronavirus, come da specifico Protocollo condiviso del 24 aprile 2020.

Ma la sorveglianza sanitaria deve comunque rispettare precisi limi