Come sfruttare le opportunità dell'Equity Crowdfunding (un esempio? Il Pordenone Calcio)

L’Equity Crowdfunding è un fenomeno che suscita crescente interesse da parte di start-up e PMI che, grazie ad esso, possono reperire capitale per nuovi progetti.
Vediamo in cosa consiste.

L’equity crowdfunding è un fenomeno in fase di forte espansione.

Gli indicatori statistici disponibili evidenziano chiaramente che, dopo una prima fase di avvio a ritmo blando, i progetti pubblicati sui portali autorizzati, tanto per numero quanto per volumi di raccolta, stanno registrando – nell’ultimo periodo – un incremento decisamente significativo.

 

Equity Crowdfunding: non solo per start-up

equity crowdfundingRiservata inizialmente alle sole start-up innovative, nel corso dell’anno 2017 la possibilità di utilizzare le procedure on line per la raccolta del capitale di rischio è stata estesa a tutte le PMI, con ciò determinandosi un diffuso interesse per tale forma alternativa di finanziamento.

Sempre più spesso, infatti, le imprese si trovano ad affidare la fase della raccolta del capitale necessario alla realizzazione di progetti di sviluppo o crescita aziendale alle piattaforme operanti su internet, anche in un’ottica di diversificazione delle fonti di finanziamento.

Un progetto serio e ben strutturato, che abbia un impatto anche emotivo sul potenziale investitore, raccontando una “storia d’impresa”, spesso comporta delle buone possibilità di successo, consentendo l’ingresso in società di nuove risorse, anche in termini di ampliamento – mirato – della compagine sociale.

 

I vantaggi dell’Equity crowdfunding

I vantaggi della procedura di equity crowdfunding sono molteplici.

Ed invero, attraverso tale procedura la società interessata ha la possibilità di sottoporre alla validazione del pubblico la propria idea di business, in una fase antecedente all’effettivo impiego del capitale, beneficiando della visibilità che può garantire una piattaforma ad ampia diffusione e, conseguentemente, incrementando le proprie relazioni ed i contatti con i potenziali stakeholders.

Il buon esito della fase di raccolta consente, poi, alla società di impiegare nuovo capitale di rischio, uscendo, quantomeno parzialmente, dalla struttura normalmente “bancocentrica” delle proprie fonti di finanziamento e rafforzando, al contempo, la propria credibilità a livello finanziario.

 

Normativa sull’Equity Crowdfunding

equity crowdfunding normativaL’attenzione del legislatore italiano per la procedura di equity crowdfunding è, da tempo, particolarmente elevata.

Diversi sono stati gli interventi che, a partire dal 2012, si sono susseguiti in materia e che hanno operato su molteplici livelli, incidendo sulla normativa primaria a mezzo di deroghe extra-codicistiche e sulla normativa speciale, anche regolamentare.

L’interesse del legislatore per la procedura è attestato anche dalle rilevanti agevolazioni fiscali oggi riservate ai soggetti che investono in start-up e PMI innovative.

Il sistema è, quindi, in una fase di deciso avanzamento verso una prospettiva futura – che pare prossima – in cui possa essere introdotto anche un sistema di negoziazione degli strumenti finanziari tramite bacheche elettroniche, attraverso forme di circolazione alternative delle partecipazioni sociali.

 

 

Conosci e cogli le opportunità dell’Equity Crowdfunding

 

Il 15 Novembre 2019 partecipa al corso online in diretta 
Le nuove opportunità del Crowdfunding >>>

 

Il dott. Alberto Rigotto e l’avv. Plasenzotti, relatori del corso, hanno maturato delle significative esperienze nel settore, sviluppando dei progetti di equity crowdfunding anche attraverso la creazione di una rete di contatti diretti con i principali gestori di portali.

Tra le iniziative portate a termine con successo vi è quella realizzata per il Pordenone Calcio (seconda in Italia per volume di raccolta), le cui linee essenziali verranno descritte durante l’intervento, anche a comprova della duttilità dello strumento e dell’ampiezza dei suoi possibili campi di applicazione.

L’intervento dei relatori si propone di inquadrare dal punto di vista sistematico e normativo la procedura di equity crowdfunding, di riportare il sistema delle agevolazioni fiscali previste per gli investitori e, da ultimo, di analizzare un caso concreto al fine di evidenziare alcune possibili modalità operative.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it