Mini IRES 2019: come funziona il calcolo dell'agevolazione

Sulla base delle più recenti modifiche intervenute con il Decreto Crescita, vediamo in questo approfondimento non solo la disciplina normativa dell’agevolazione Mini IRES, ma anche alcuni casi applicativi su come si calcola la base imponibile e quali sono le aliquote da applicare.

Indice dell’articolo:

 

 

Agevolazione Mini IRES: cos’è e le novità intervenute nel 2019

 

il calcolo della Mini IRES 2019La “mini IRES” consiste in una forma di tassazione agevolata degli utili accantonati a riserve disponibili; diversamente da quanto accadeva per precedenti agevolazioni, questo beneficio fiscale non è subordinato al reinvestimento degli utili per l’acquisizione di beni materiali strumentali o per l’incremento dell’occupazione.

L’originario impianto della mini IRES, contenuto nell’art. 1, commi 28 – 34, della legge 30.12.2018, n. 145, è stato profondamente modificato dal D.L. 30.04.2019, n. 34, convertito con modificazioni dalla legge 28.06.2019, n. 58 (decreto crescita).

L’agevolazione è rivolta:

  • ai soggetti IRES (società di capitali, enti commerciali, enti non commerciali per l’eventuale attività di impresa “collateralmente” svolta, stabili organizzazioni di imprese non residenti);
  • alle imprese individuali;
  • alle s.n.c. e alle s.a.s. in contabilità ordinaria.

 

Il reddito di impresa dichiarato da tali suddetti soggetti può essere assoggettato ad un’aliquota IRES ridotta di alcuni punti percentuali (a regime, a un’aliquota del 20,5%) per la parte corrispondente agli utili di esercizio accantonati a riserve diverse da quelle di utili non disponibili, nei limiti dell’incremento di patrimonio netto.

 

Calcolo Mini IRES: gli utili accantonati

 

Come si è detto, la base di calcolo dell’aliquota IRES ridotta corrisponde alla parte di reddito pari agli utili:

  • del periodo di imposta precedente a quello per il quale è presentata la dichiarazione;
  • conseguiti nell’esercizio di attività commerciali;
  • accantonati a riserve diverse da quelle di utili non disponibili.

 

Gli utili agevolabili si intendono al netto delle riduzioni del patrimonio netto con attribuzione, a qualsiasi titolo, ai soci o partecipanti (si esclude quindi che vi possa essere una contestuale distribuzione “dissimulata” di utili).

Per ciascun periodo di imposta, la parte degli utili agevolabili accantonati a riserva che eccede l’ammontare del reddito complessivo netto dichiarato è computata in aumento degli utili agevolabili accantonati a riserva dell’esercizio successivo: si verifica insomma un “riporto in avanti” degli utili accantonati eccedenti (analogamente a quanto accade, ad esempio, per il ROL eccedente ai fini della determinazione della deducibilità degli interessi passivi).

 

Quali riserve sono interessate dalla Mini IRES?

 

Ai fini della mini IRES, gli utili accantonati devono essere quelli “reali”, cioè corrispondenti a un risultato economico generato dall’impresa.

Le riserve non disponibili (i cui accantonamenti non assumono rilevanza) sono quelle formate con utili diversi da quelli realmente conseguiti ai sensi dell’art. 2433 c.c. in quanto derivanti da processi di valutazione (riserva costituita a fronte della valutazione delle partecipazioni con il metodo del patrimonio netto; riserva per utili su cambi non realizzati; riserve derivanti da rivalutazioni volontarie; riserve di patrimonio netto in contropartita della valutazione al fair value di strumenti finanziari e attività; riserve in cui sono iscritti gli utili corrispondenti alle plusvalenze iscritte nel conto economico, che discendono dall’applicazione del criterio del fair value o del patrimonio netto).

A differenza di quanto era previsto ai fini dell’ACE (art. 5, comma 6, D.M. 03.08.2017), la norma non menziona espressamente – tra le ipotesi non rilevanti ai fini dell’agevolazione – le riserve formate con utili realmente conseguiti che tuttavia, per disposizioni di legge, sono o divengono non…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it