Chiarimenti sui quadri C e I del Modello 730/2019

di Federico Gavioli

Pubblicato il 7 giugno 2019

Il quadro C - Redditi di lavoro dipendente e assimilati - del modello 730/2019 deve essere compilato dai soggetti che hanno percepito nel corso del 2018 redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente; il quadro I – imposte da compensare - del modello 730/2019 può essere compilato dal contribuente che sceglie di utilizzare l’eventuale credito che risulta dal modello 730/2019 per pagare le imposte mediante compensazione nel modello F24.

dichiarazione dei redditi 2019 anno d'imposta 2018Il quadro C - Redditi di lavoro dipendente e assimilati - del modello 730/2019 deve essere compilato dai soggetti che hanno percepito nel corso del 2018 redditi di lavoro dipendente, redditi di pensione e redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente; con il presente commento analizziamo l’inserimento nella sezione II, del quadro C dei redditi assimilati; il quadro I – imposte da compensare - del modello 730/2019 può essere compilato dal contribuente che sceglie di utilizzare l’eventuale credito che risulta dal modello 730/2019 per pagare, mediante compensazione nel modello F24, le imposte non comprese nel modello 730 che possono essere versate con il modello F24.

LEGGI ANCHE GLI APPROFONDIMENTI SU:

Il quadro C

Con la pubblicazione definitiva del modello 730/2019, i quadri dichiarativi sono ormai delineati; in riferimento al quadro C – redditi di lavoro dipendente e assimilati - i dati da indicare possono essere ricavati dalla Certificazione Unica 2019 rilasciata dal sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) oppure dalla certificazione rilasciata dal soggetto che non possiede la qualifica di sostituto (ad esempio il privato per il lavoratore domestico).

Se il rapporto di lavoro viene interrotto prima che sia disponibile la Certificazione Unica 2019, il sostituto d’imposta, oltre a rilasciare la Certificazione Unica 2018 a seguito di richiesta del dipendente, era tenuto anche a rilasciare la Certificazione Unica 2019 entro il 31 marzo 2019.

Pertanto, per la compilazione della dichiarazione dei redditi, i dati devono essere comunque ricavati dalla Certificazione Unica 2019. Se il contribuente è tenuto a presentare la dichiarazione, redditi d