Disconoscere le proprie firme sul documento deve comportare la querela di falso? Disconoscimento e querela di falso

Nel processo tributario trova applicazione l’istituto del disconoscimento delle scritture private, con la conseguenza che il giudice ha l’obbligo di accertare l’autenticità delle sottoscrizioni. Approfondiamo quindi le conseguenze processuali riferibili al fatto che in una controversia tributaria un socio di una s.n.c. ricorrente non abbia disconosciuto le firme e il socio amministratore della stessa s.n.c. abbia disconosciuto non l’intera scrittura ma la sottoscrizione riferita solo ad alcune pagine di un preliminare di vendita a terzi di immobili

Contenzioso tributario e processo tributario, sentenze e ordinanzeNel processo tributario, in forza del rinvio operato dall’art. 1, comma 2, del d.lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, alle norme del codice di procedura civile, trova applicazione l’istituto del disconoscimento delle scritture private, con la conseguenza che, in presenza del disconoscimento della firma, il giudice ha l’obbligo di accertare l’autenticità delle sottoscrizioni, essendogli altrimenti precluso tenerne conto ai fini della decisione.

-> Quali sono le conseguenze processuali riferibili al fatto che in una controversia tributaria l’altro socio di una s.n.c. ricorrente non abbia disconosciuto le firme e al fatto che il socio amministratore della stessa s.n.c. abbia disconosciuto non l’intera scrittura ma la sottoscrizione riferita solo ad alcune pagine di un preliminare di vendita a terzi di immobili?

-> Cosa accade, quindi, se il disconoscimento abbia riguardato non l’intera scrittura ma la sottoscrizione riferita ad alcune pagine del preliminare di vendita e precisamente quelle in cui si indicava il prezzo di vendita in una cifra più alta di quella esposta nell’atto di vendita definitivo?

Il presente contributo, alla luce delle risposte date recentemente dal giudice di legittimità ai citati interrogativi, analizza il disconoscimento di firme nel processo tributario e il rapporto tra disconoscimento con la querela di falso.

Principi

Se un documento riporta, su tutte le pagine, la sottoscrizione di un soggetto (socio amministratore della società verificata) e quest’ultimo disconosce solo alcune delle firme apparentemente da lui apposte, resta ferma la riferibilità del documento al sottoscrittore e la conseguente utilizzabilità in giudizio dell’atto.

Tale omissione è fondamentale per considerare comunque riferibile l’atto alla società verificata. In tal caso è necessaria la proposizione di una querela di falso per contestare la falsità ideologica del documento in relazione al contenuto delle pagine in cui è presente la sottoscrizione disconosciuta dal socio amministratore della società verificata.

Se la sottoscrizione nelle altre pagine non è stata disconosciuta, la paternità della scrittura medesima è comunque riferibile al socio amministratore, che ha disconosciuto quelle firme. E dunque il documento è utilizzabile come prova. Se si vuole contestare la falsità ideologica della scrittura riguardo all’indicazione del prezzo della vendita, in relazione alle quali l’amministratore ha “disconosciuto” la propria sottoscrizione, ciò va fatto con la proposizione di querela di falso ex artt. 221 e seguenti c.p.c.

Il disconoscimento ex art. 216 c.p.c. inerisce alla singola firma disconosciuta. Contestare parzialmente le firme su un documento non serve a disconoscere la paternità del documento stesso (anche se, per la verità, il disconoscimento, nel caso specifico, riguarda proprio le pagine su cui si fondava l’accertamento).

Per contestare la falsità ideologica del documento esiste solo la querela di falso ex art. 221 c.p.c. che, ha l’effetto di sospendere il giudizio tributario ex art. 39, primo comma, D.Lgs. 546/92 fino all’esito del giudizio civile, in linea con quanto prevede l’art. 313 c.p.c.

È utilizzabile, quale elemento indiziario ai fini della prova del maggior reddito imponibile, un contratto preliminare di compravendita, disconosciuto dal legale rappresentante della società solo nella parte relativa all’indicazione del prezzo, se la scrittura, nel suo complesso, è, comunque, riferibile ai suoi sottoscrittori.

Tali principi sono stati statuiti dalla Corte di Cassazione con la sentenza del 14 marzo 2019 n. 7240.

Vicenda

La vicenda ha riguardato la cessione di alcuni immobili, per uno dei quali era stato rinvenuto, in sede di verifica, un preliminare di vendita con l’indicazione di un prezzo nettamente superiore rispetto a quello poi risultante dall’atto notarile definitivo. Il fisco ha notificato, pertanto, ad una S.n.c. un accertamento ai…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it