Il Decreto Crescita azzera la neonata mini IRES prima versione e ne propone una nuova più semplice

MINI-IRES - l'agevolazione sull'imposta sul reddito delle societàIl Decreto Crescita azzera la neonata mini-IRES/IRPEF prima versione (di cui avevamo parlato in precedenza in questo articolo) e ne propone una seconda versione all’apparenza di più semplice applicazione ma con carico fiscale maggiorato rispetto alla prima versione. L’aliquota IRES passa al 20%, solo dal 2022, contro una fiscalità di prima versione che riduceva da subito al 15% l’aliquota d’imposta sui redditi societari.

 

La mini-IRES introdotta dall’art. 1 commi da 28 a 30 della Legge 145/2018 (che in realtà era anche una mini-IRPEF, come sottolineato in questo precedente articolo) in sostituzione della soppressa A.C.E. e del superammortamento per i beni diversi da quelli del modello Industria 4.0, è stata accompagnata dall’introduzione di un’aliquota ridotta IRES del 15% che si sarebbe dovuta applicare su una base di calcolo, il cui processo di determinazione appariva piuttosto articolato e complesso.

Il decreto Crescita riscrive la disciplina per renderla più semplice e più agevolmente fruibile da parte dei potenziali destinatari.

Secondo la precedente versione della normativa (così come evidenziato nella tabella sotto) l’ammontare dell’IRES agevolata era determinato attraverso il confronto tra l’ammontare degli utili destinati a riserve disponibili da un lato e l’ammontare dell’incremento degli investimenti e del costo del lavoro dall’altro, calcolando l’IRES in misura del 15% sul minor importo tra i due elementi a confronto.  Quindi, se come nel caso in tabella l’ammontare degli utili destinati a riserva disponibile era di 500 e l’ammontare cumulativo dell’incremento degli investimenti e del costo del lavoro era di 400, il 15% andava applicato al minor importo di 400, dando luogo a un’aliquota agevolata IRES di 60.

Il decreto crescita azzera la neonata mini ires prima versione schema di confronto

Un meccanismo apparentemente semplice che nascondeva però grosse difficoltà applicative, specie nella quantificazione dell’incremento dell’ammontare delle immobilizzazioni poste al secondo membro del confronto.

Nuovo metodo di calcolo della mini-IRES

La seconda versione del provvedimento contenuta nel Decreto Crescita semplifica il calcolo, ponendo l’incremento di patrimonio netto, pari alla differenza tra il patrimonio netto risultante dal bilancio di esercizio del periodo d’imposta di riferimento, senza considerare il risultato economico del medesimo esercizio, al netto degli utili accantonati a riserva, agevolati nei periodi d’imposta precedenti, e il patrimonio netto risultante dal bilancio di esercizio in corso al 31 dicembre 2018, senza considerare il risultato del medesimo esercizio.

 

mini ires prima e seconda versione schema di calcolo

Figura 2 – Schema di calcolo della nuova Mini-IRES

 

Una norma che sostituisce l’A.C.E., peggiorandone i risultati, perché secondo la normativa previgente l’introduzione della mini-IRES almeno per quanto riguarda la componente “Utili portati a riserva disponibile” (l’altra era quella dei versamenti in denaro proporzionati nell’esercizio di esecuzione al tempo di impiego espresso in 365 esimi per poi essere assunti in misura integrale negli esercizi successivi) gli stessi venivano capitalizzati sommandosi, anno per anno e confrontandosi con il patrimonio netto rilevato alla data del 31/12/2010 (dato che rimaneva fisso nel tempo), nettizzato dell’utile 2010; mentre stando ad una lettura della norma attuale, revisionata con il Decreto Crescita, la quota di accantonamento 2019, non potrà essere utilizzata e sommarsi a quella del 2020, in quanto le quote accantonate e agevolate negli esercizi precedenti dovranno essere espunte dalla base di calcolo del reddito agevolabile in ciascun esercizio successivo.

Esempio

esempioQuindi, se ad esempio, in sede di delibera di assegnazione degli utili 2019, relativi al bilancio d’esercizio chiuso al 31/12/2018 vengono assegnati a riserva straordinaria 100, incrementandosi di pari importo il netto patrimoniale della…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it