Riporto delle perdite fiscali anche nel regime semplificato dopo Legge di Bilancio 2019

di Enrico Larocca

Pubblicato il 25 febbraio 2019

La legge di bilancio 2019 introduce una serie di novità in tema di riporto delle perdite per i soggetti IRPEF (imprese individuali e società di persone) specie per quelli in contabilità semplificata che si vedono riconosciuto il diritto di riporto delle perdite fiscali con applicazione delle medesime regole previste per le società di capitali

riporto delle perdite fiscaliPremessa

Il periodo d’imposta 2017 ha provocato nel regime semplificato una serie di problemi connessi all’introduzione del regime di cassa. Ci riferiamo al problema dell’imputazione delle esistenze iniziali di magazzino 2017, senza la possibilità di rettificarle, come avveniva nel previgente regime di competenza, con il valore delle rimanenze finali di magazzino, con l’effetto di deprimere il reddito fiscale delle imprese individuali e delle societá di persone che hanno adottato il tale regime, nonché con effetti distorsivi della capacità contributiva all’atto delle vendite del magazzino che residuava al 01/01/2018.

L’enorme perdita che si sarebbe prodotta per effetto della scelta del regime semplificato (si pensi ad esempio alle rimanenze finali  delle imprese di costruzioni in genere di importo consistente) ha suggerito in molti casi di passare in regime di contabilitá ordinaria, proprio per continuare a computare la rettifica per il valore delle rimanenze finali e il riporto delle perdite per la parte eccedente il reddito complessivo prodotto. 

Nel regime semplificato fino al 31/12/2017 se si registrava una perdita fiscale d’impresa di 100 e altri redditi per 20, dopo l’azzeramento del reddito complessivo di 20, l’eccedenza di 80 non poteva essere riportata a nuovo, per recuperarla nei 5 esercizi successivi, come invece era previsto per le imprese in contabilitá ordinaria.

Il legislatore è intervenuto con la