Accertamento con adesione: cause di non punibilità

Accertamento con adesione: cause di non punibilità Mentre il pagamento del debito con il fisco, secondo le disposizioni del D.Lgs. n. 74/2000 innovate con effetto decorrente dal 2016, dà luogo ad esimenti ai fini delle sanzioni penali tributarie, le procedure deflattive del contenzioso – tra le quali rientra l’accertamento con adesione – non generano un automatico effetto di riduzione o cancellazione della punibilità penale.

Nell’ambito del procedimento penale, inoltre, l’adesione eventualmente perfezionata non assume una particolare rilevanza nemmeno ai fini probatori, dato che il giudice non è vincolato, nella determinazione dell’imposta evasa, dal quantum concordato a seguito del procedimento di adesione. La questione è stata al centro di una recente sentenza della Corte di Cassazione (n. 51038 del 9.11.2018).

In particolare, il contenzioso aveva riguardato un provvedimento di sequestro disposto dall’autorità giudiziaria nei confronti di un contribuente che si era reso responsabile di “omessa dichiarazione” al di sopra della soglia di rilevanza penale.

Si trattava quindi di un procedimento cautelare (indipendente rispetto al processo riguardante la fattispecie di omessa dichiarazione), nel quale il contribuente ha veste di “indagato” e non di “imputato”, e cercava di far valere gli effetti dell’adesione perfezionata con l’Agenzia delle Entrate per ottenere la rideterminazione del valore del sequestro preventivo dei propri beni. L’istanza di riduzione era stata originariamente presentata al GIP del Tribunale di Velletri, con successivo appello al Tribunale di Roma.

La dichiarazione omessa

L’art. 5 del D.Lgs. n. 74/2000, innovato dall’art. 5 del D.Lgs. 24.9.2015, n. 158 (“decreto sanzioni”), prevede per l’ipotesi di omessa dichiarazione delle imposte sui redditi e dell’IVA la reclusione di durata compresa tra 1 anno e 6 mesi e 4 anni (la pena previgente era da 1 a 3 anni).

Allo stesso tempo è stata elevata la soglia di punibilità, che scatta quando l’imposta evasa è superiore a 50.000 euro (rispetto ai precedenti 30.000 euro).

Il comma 1-bis dell’articolo prevede il reato di omessa dichiarazione del sostituto di imposta che punisce, con la reclusione da 1 anno e 6 mesi a 4 anni, chiunque non presenta, essendovi tenuto, la dichiarazione del sostituto di imposta (modello 770), quando l’ammontare delle ritenute non versate è superiore a 50.000 euro.

Per entrambi i reati previsti dall’art. 5 (dichiarazione “propria” omessa e dichiarazione del sostituto omessa), i limiti massimi di pena – superiori a 3 anni – consentono, ex art. 280 c.p.p., l’applicazione di misure coercitive diverse dalla custodia in carcere (arresti domiciliari, divieto di espatrio, obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, divieto e obbligo di dimora).

Opera per ambedue le fattispecie di reato la previsione in forza della quale non si considera omessa la dichiarazione presentata entro 90 giorni dalla scadenza del termine, o non sottoscritta, o non redatta su uno stampato conforme al modello prescritto (art. 5, comma 2, D.Lgs. n. 74/2000).

La confisca

L’art. 10 del D.Lgs. n. 158/2015 ha inserito nel D.Lgs. n. 74/2000 l’art. 12-bis, in forza del quale nel caso di condanna o di patteggiamento (applicazione della pena su richiesta delle parti ai sensi dell’art. 444 del c.p.p.) per uno dei delitti previsti dallo stesso D.Lgs. n. 74/2000 è sempre ordinata la confisca dei beni che ne costituiscono il profitto o il prezzo (confisca obbligatoria), salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando non è possibile, la confisca per equivalente di beni per un valore corrispondente nella disponibilità del reo.

Questa previsione esplicita direttamente quanto già previsto – in forza del rinvio operato all’art. 322-ter del codice penale (confisca obbligatoria a seguito di condanna per reati contro la PA) dall’art. 1, comma 143, della legge 24.12.2007, n. 244 -, in materia di confisca obbligatoria per reati…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it