Pronti i nuovi F24 per il pagamento dei contributi 2018 per Artigiani e Commercianti, nel cassetto previdenziale

Pronti gli F24 per il pagamento dei contributi 2018 per artigiani e commerciantiIl Messaggio INPS n. 4340 dello scorso 21 novembre 2018 comunica l’elaborazione degli F24 per il pagamento delle aliquote contributive a carico degli iscritti alla gestione artigiani e commercianti; proprio in considerazione alle medesime aliquote, il messaggio fa riferimento alla Circolare n. 27/2018 la quale specifica le aliquote valide per l’anno 2018.

L’elaborazione degli F24 per artigiani e commercianti

Nell’anno 2018 sono definitivamente aumentate le aliquote contributive per artigiani e commercianti a seguito dell’articolo 24, comma 22, del D.L. n. 201/2011 – convertito con modificazioni dalla L. n. 214/2011 – il quale prevedeva che a partire dal primo gennaio 2012 le aliquote contributive di finanziamento e di computo delle gestioni pensionistiche dei lavoratori artigiani e commercianti fossero incrementate di 1,3 punti percentuali, e successivamente di 0,45 punti percentuali per ciascun anno, fino al raggiungimento del livello del 24% per tutti i soggetti iscritti alla gestione autonoma dell’INPS.

Ebbene, a seguito della Circolare n. 27 del 12 febbraio 2018 – la quale aveva specificato le aliquote contributive per l’anno 2018 – il Messaggio dello scorso 21 novembre 2018 n. 4340 ha ulteriormente comunicato che è stata ultimata una nuova elaborazione dell’imposizione contributiva per tutti i soggetti iscritti alla gestione artigiani e commercianti, con conseguente predisposizione dei modelli F24 necessari per il versamento della contribuzione dovuta.

I modelli F24 saranno disponibili in versione precompilata nel Cassetto previdenziale per artigiani e commercianti, entrando nella sezione “Posizione assicurativa”, “Dati del modello F24”, dove sarà possibile consultare anche una sintesi di tutti gli importi dovuti e le relative scadenze e causali di pagamento.

L’INPS ha previsto inoltre un alert via e-mail che sarà inviato ai titolari di posizione assicurativa ovvero agli intermediari delegati.

Aliquote per la gestione artigiani e commercianti

Proprio in relazione a quanto detto finora, è opportuno riepilogare quanto chiarito da parte dell’INPS con la Circolare INPS n. 27/2018, la quale chiarisce come a partire dal 2018 è stato raggiunto il livello del 24% di contribuzione per gli iscritti alla gestione autonoma INPS, al quale va aggiunto uno 0,09% a titolo di aliquota aggiuntiva da parte degli iscritti alla gestione degli esercenti attività commerciali, istituita a scopo di indennizzo per la cessazione definitiva dell’attività commerciale (prorogata fino al prossimo 31 dicembre 2018).

Inoltre, per gli iscritti alla gestione degli artigiani e dei commercianti è previsto un contributo per le prestazioni di maternità nella misura di euro 0,62 mensili, mentre per i soggetti iscritti alla medesima gestione i quali abbiano più di 65 anni di età e che siano già pensionati presso le gestioni dell’istituto, anche per l’anno 2018 si avrà la riduzione del 50% dei contributi dovuti.

La contribuzione dovuta

Volendo più approfonditamente riepilogare l’ammontare della contribuzione, per:

    • artigiani di qualunque età, e coadiuvanti o coadiutori di età superiore a 21 anni, l’aliquota è fissata al 24%, mentre per coadiuvanti o coadiutori di età inferiore a 21 anni, l’aliquota è fissata al 21%;
    • commercianti di qualunque età e coadiuvanti o coadiutori con età superiore a 21 anni – compreso il contributo aggiuntivo dello 0,09% – l’aliquota è fissata al 24,09%, mentre è fissata al 21,9% per coadiuvanti e coadiutori con età non superiore a 21 anni.

Va ricordato inoltre che in relazione a quanto stabilito con Circolare n. 27 del 12 febbraio 2018 – sulla base di quanto rilevato dall’ISTAT circa l’andamento dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai ed impiegati – è stato stabilito il reddito minimo da prendere in considerazione ai fini del calcolo del contributo IVS dovuto da artigiani ed esercenti attività commerciali, che si attesta a euro 15.710,00.

Si ricorda inoltre che ai sensi della Legge n. 438/92 il contributo IVS dovuto da artigiani e commercianti:

    • è calcolato sulla totalità dei redditi d’impresa denunciati ai fini IRPEF (e non soltanto su quello derivante dall’attività che dà titolo all’iscrizione nella gestione di appartenenza);
    • è rapportato ai redditi d’impresa prodotti nello stesso anno al quale il contributo si riferisce (quindi, per i contributi dell’anno 2018, ai redditi 2018, da denunciare al fisco nel 2019);

cosicché qualora la somma dei contributi sul minimale e di quelli a conguaglio versati alle previste scadenze sia inferiore a quanto dovuto sulla totalità dei redditi d’impresa realizzati nel 2018, è dovuto un ulteriore contributo a saldo che dovrà essere corrisposto entro i termini di pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche.

Antonella Madia

3 dicembre 2018

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it