Nuovo modello comunicazione LIPE: analisi dei punti principali in vista della scadenza del 31 maggio 2018

Premessa generale
Come noto il primo trimestre 2018 della Comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA (trimestrale o mensile) è in scadenza il prossimo 31 maggio 2018 e, al fine dell’adempimento, deve essere utilizzato il nuovo modello approvato dall’Agenzia delle Entrate con il Provvedimento direttoriale n. 62214 del 21 marzo 2018.

Nota: come noto il nuovo art. 21-bis DL 78/2010 prevede l’obbligo per i soggetti passivi di trasmettere i dati contabili riepilogativi delle liquidazioni periodiche (mensili o trimestrali) da presentare anche nel caso di liquidazione con eccedenza a credito (come confermato nelle istruzioni del Modello).
I termini attuali di invio sono i seguenti:
a)    1 Trimestre / ovvero liquidazioni mensili gennaio-febbraio e marzo 2017: scadenza 31 maggio 2018;
b)   2 Trimestre / ovvero liquidazioni mensili aprile – maggio e giugno 2017: scadenza 17 settembre 2018;
c)    3 Trimestre / ovvero liquidazioni mensili luglio-agosto e settembre 2017: scadenza 30 novembre 2018;
d)   4 Trimestre / ovvero liquidazioni mensili ottobre-novembre e dicembre 2017: scadenza   28   febbraio 2019.

IL NUOVO MODELLO LIPE: ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI
Come già detto con il Provvedimento direttoriale n. 62214 del 21 marzo 2018 è stato approvato un nuovo modello di comunicazione che deve essere utilizzato a decorrere dalla comunicazione riferita al primo trimestre 2018 in scadenza il 31 maggio 2018.

Nota: le istruzioni che accompagnano il modello precisano che se, entro il termine di presentazione, sono presentate più comunicazioni delle liquidazioni IVA riferite al medesimo periodo, l’ultima sostituisce le precedenti e che non è prevista la tipologia di “comunicazione integrativa ovvero correttiva”.
Nel rispetto della “risoluzione 104/E/2017” le istruzioni ricordano che per correggere eventuali errori od omissioni è possibile presentare una nuova Comunicazione, “sostitutiva” della precedente, prima della presentazione della dichiarazione annuale Iva mentre, successivamente, la correzione deve avvenire direttamente nella “dichiarazione annuale”.
Inoltre le nuove istruzioni precisano che l’obbligo di invio della comunicazione non ricorre in assenza di dati da indicare, per il trimestre, nel quadro VP (contribuenti che nel periodo di riferimento non hanno effettuato alcuna operazione né attiva né passiva).
L’obbligo, invece, sussiste nel caso in cui occorre dare evidenza del riporto di un credito proveniente dal trimestre precedente.

SOGGETTI OBBLIGATI E SOGGETTI ESCLUSI DALL’ADEMPIMENTO
Per espressa previsione normativa non sono tenuti all’effettuazione dell’adempimento i soggetti passivi non obbligati alla presentazione della Dichiarazione annuale IVA o all’effettuazione delle liquidazioni periodiche sempreché, nel corso dell’anno, non vengano meno le condizioni di esonero.
Non sono tenuti pertanto all’effettuazione dell’adempimento i seguenti soggetti:

soggetti che effettuano solo operazioni esenti (ad esempio il medico, le banche e le assicurazioni, i promotori finanziari e i subagenti assicurativi).

i contribuenti minimi/forfettari.

produttori agricoli “esonerati” (volume d’affari del 2016 inferiore ai 7.000 euro e maggiore 2/3 cessioni prodotti di cui alla tabella A/I); soggetti che esercitano attività di intrattenimento (es: discoteche); associazioni in regime di Legge n. 398/91; tabaccai e giornalai (senza altre operazioni assoggettate ad Iva); impresa individuale che ha concesso in locazione l’unica azienda per l’intero 2016; soggetti non residenti con Partita va in Italia e con sole operazioni escluse, non imponibili o esenti Iva; soggetti non residenti extra-UE con Partita Iva in Italia che esercitano attività di e- commerce.

contribuente che non effettua operazioni: la comunicazione va presentata soltanto per i periodi per i quali sono state effettuate le corrispondenti liquidazioni …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it