Riforma del fallimento e delle procedure concorsuali: le pillole

Legge 19 ottobre 2017, n. 155, recante “Delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza” – Riforma del fallimento

Il Governo avrà 12 mesi di tempo per adottare uno o più decreti legislativi che andranno a riscrivere integralmente la legge fallimentare, la disciplina delle procedure concorsuali minori, la disciplina della composizione delle crisi da sovraindebitamento (Legge n. 3 del 2012) ed il sistema dei privilegi e delle garanzie.

PRINCIPI GENERALI PROCEDURALI

Il Governo adotterà un unico modello processuale per l’accertamento dello stato di crisi o di insolvenza del debitore, che ricalchi la procedura pre-fallimentare ex art. 15 l.f., modello con caratteristiche di particolare celerità, anche in fase di reclamo. In tale sede confluiranno tutte le domande ed istanze anche contrapposte di creditori, P.M. e debitore in vista dell’adozione o dell’omologazione da parte del Giudice competente della procedura più appropriata alla soluzione della crisi o insolvenza accertata.
Si prevede l’innovativa legittimazione ad agire dei soggetti con funzioni di controllo e di vigilanza.

Il procedimento di accertamento dello stato di crisi o di insolvenza sarà esperibile per ogni categoria di debitore, persona fisica o giuridica, ente collettivo, consumatore, professionista o imprenditore esercente un’attività commerciale, agricola o artigianale, con esclusione dei soli enti pubblici.

Per contro, si prevede una disciplina diversificata relativamente ai possibili esiti, tenendo in debito conto le peculiarità soggettive del debitore e oggettive dimensionali, assimilando il trattamento dell’impresa “sotto soglia” ex art. 1 l.f. a quello riservato a debitori civili, professionisti e consumatori.
Sono preferite, ed incentivate anche con molteplici misure premiali, sia personali che patrimoniali, le soluzioni concordate e conservative dell’impresa a quelle liquidatorie e coattive.
Al fine della competenza territoriale prevarrà il luogo del “centro degli interessi principali del debitore” secondo la nozione definita dall’ordinamento dell’Unione europea.

1 – PROCEDURE DI ALLERTA E DI COMPOSIZIONE ASSISTITA DELLA CRISI

Ex novo viene introdotta dall’art. 4 una procedura amministrativa di allerta e di composizione assistita della crisi, di natura non giudiziale e confidenziale, diretta a rilevare l’emersione anticipata della crisi al fine di agevolare lo svolgimento di trattative tra debitore e creditori.
La lungaggine delle procedure concorsuali minori vigenti spesso ha aggravato la crisi esistente.
L’applicazione di tale fase stragiudiziale è esclusa unicamente per:

  1. società quotate in borsa o in altro mercato regolamentato;
  2. grandi imprese come definite dalla normativa comunitaria.

Competenza
L’O.C.C., istituito presso ciascuna CCIAA, nominerà un collegio di tre membri esperti destinati a svolgere su incarico del tribunale funzioni di gestione e controllo nell’ambito delle procedure concorsuali:
a) su istanza del debitore (art. 4, lett. B),
Si precisa che gli organi di controllo societari, il revisore contabile e le società di revisione assumeranno l’obbligo di avvisare immediatamente l’organo amministrativo della società dell’esistenza di fondati indizi della crisi.
b) d’ufficio mediante convocazione da parte dell’ O.C.C. su segnalazione obbligatoria e sanzionata:
1) degli organi di controllo societari, del revisore contabile e delle società di revisione in caso di inerzia o inadeguata risposta da parte dell’impresa. Autorevole orientamento segnala la necessità di modifica codicistica dal momento che, a seguito della riforma del diritto societario del 2003, la maggior parte delle S.R.L. sono sfornite anche del sindaco unico;
2) dei creditori pubblici qualificati, alias Agenzia delle Entrate, enti previdenziali ed agenti della riscossione delle imposte.

La mancata segnalazione comporterà inefficacia di taluni privilegi…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it