La delega di firma del Direttore dell'Ufficio deve essere 'a tempo', ossia contenere un termine di validità, pena la nullità dell'atto

APPUNTILa delega di firma rilasciata dal direttore dell’ufficio ai propri funzionari al fine di sottoscrivere gli avvisi di accertamento deve essere a tempo ossia contenere un termine di validità.

Quanto sopra è contenuto nella recente sent. n. 1702/2016 della CTP di Roma da cui emerge che la delega rilasciata ai funzionari deve essere motivata, nominativa e contenere un “termine di validità”, con la conseguenza che il mancato rispetto di tali requisiti produce la nullità dell’atto.

Un ulteriore tassello, anche se trattasi di un pronuncia di merito, si aggiunge all’eterna querelle tra contribuenti/ricorrenti e agenzia delle entrate sorta all’indomani della sent. n. 37/2015 della Corte Costituzionale e le successive sentenze della Suprema Corte (nn. 22800, 22803 e 22810/2015) circa l’invalidità di atti firmati da funzionari delle entrate.

La vicenda, giunta ormai al giudice di legittimità, riguarda un consistente numero di funzionari (circa 800) dell’agenzia delle entrate a cui è stato conferito un incarico dirigenziale poi prorogato più volte nel corso del tempo. Si tratta di incarichi a contratto concessi dall’Agenzia delle entrate senza il superamento di una procedura concorsuale Tali incarichi sono previsti dall’art. 24 del Regolamento di amministrazione dell’Agenzia delle entrate e hanno consentito il conferimento di incarichi dirigenziali in favore di funzionari non in possesso della relativa qualifica (fino al 2010). Tali dirigenti a vario titolo sono i direttori provinciali “reggenti”; i dirigenti “incaricati” che sottoscrivono gli atti su delega dei reggenti.

Fattispecie

In fatto il contribuente ha impugnato l’accertamento emesso dalla Agenzia delle entrate concernente maggiori imposte per un consistente importo economico, eccependo, tra l’altro, la violazione dell’art. 42 Dpr n. 600/1973 sotto il profilo del difetto di sottoscrizione dell’atto impositivo. L’Ufficio finanziario, dal canto suo, ha respinto la richiesta di nullità dell’atto depositando copia della disposizione di servizio attestante la delega di firma, al fine di legittimare la sottoscrizione apposta dal “Capo Area” anziché dal Direttore dell’Ufficio.

La CTP ha ritenuto preliminarmente che a fronte della contestazione circa la corretta sottoscrizione dell’atto impositivo, “il vaglio del giudice necessariamente alla verifica della adeguatezza dell’atto di delega ed, in aggiunta al controllo dei requisiti gerarchici in capo al firmatario.

I giudici di merito, nel ricostruire l’iter giurisprudenziale della Suprema Corte e della Corte Costituzionale sull’argomento, hanno affermato che l’avviso di accertamento non può essere sottoscritto da “chicchesia”, nel senso che il capo dell’ufficio o altro impiegato della carriera direttiva delegato devono necessariamente essere funzionari appartenenti alla terza area e che, a fronte di una generica contestazione nel ricorso introduttivo, incombe all’Amministrazione fornire una prova documentale circa il possesso dei requisiti soggettivi sia del delegante che del delegato; il difetto di quanto precede ossia se l’ufficio non dimostri documentalmente l’esistenza di tali requisiti si riflette sulla nullità dell’atto impositivo. Al riguardo, sovviene una recente sentenza della Cassazione secondo cui se l’ufficio finanziario non prova che l’accertamento è firmato da un funzionario legittimamente delegato, l’atto è nullo. Pertanto gli accertamenti sono nulli tutte le volte che gli avvisi non risultano sottoscritti dal capo dell’ufficio o da un funzionario validamente delegato (n. 24492/2015) La Suprema Corte ha ritenuto che l’accertamento è nullo ai sensi dell’art. 42, del Dpr n. 600/1973 se non reca la sottoscrizione del capo dell’ufficio o di altro impiegato della carriera direttiva da lui delegato. Se la sottoscrizione non è quella del capo ufficio titolare ma di un funzionario della carriera direttiva, incombe…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it