Le nuove sanzioni per gli omessi versamenti: tutte le criticità

analizziamo i profili di criticità relativi al calcolo delle sanzioni riguardanti gli omessi versamenti ed il collegamento alla corretta applicazione dell’istituto del ravvedimento operoso, dopo le novità entrate in vigore nel 2016

La decorrenza della riforma del sistema della sanzioni amministrative è stata anticipata al 1° gennaio 2016 dalla legge di stabilità. Le norme sulla decorrenza non disciplinano il periodo transitorio che è, quindi, regolato dalle disposizioni generali che disciplinano l’applicazione della successione delle norme.

I contribuenti e gli addetti ai lavori devono accelerare la conoscenza del nuovo impianto normativo sanzionatorio, che prevede diverse misure per le violazioni di omessa o infedele dichiarazione, per le violazioni formali, per gli omessi o tardivi versamenti e per quelle relative al riverse charge (per citarne alcune). La conoscenza delle nuove regole è indispensabile per la corretta applicazione DELL’ISTITUTO DEL RAVVEDIMENTO.

Con il presente intervento si analizzano le norme in materia di sanzioni per omessi versamenti e i relativi effetti anche ai fini del corretto comportamento finalizzato alla regolarizzazione di tali violazioni…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it