La possibilità di utilizzo della Lista Falciani da parte del Fisco è una spinta alla voluntary disclosure?

E’ legittimo l’utilizzo della “lista Falciani” ai fini dell’accertamento tributario atteso che il fisco può avvalersi di qualsiasi mezzo per contrastare l’evasione fiscale.
La Suprema Corte con le ordinanze nn 8605 e 8606, nell’affermare l’utilizzo di tale lista, ha ritenuto che i valori al diritto alla riservatezza e al segreto bancario sono sicuramente recessivi di fronte a quelli riferibili al dovere inderogabile. L’amministrazione finanziaria nelle sue attività istituzionali riguardanti l’attività di accertamento dell’evasione fiscale, può ricorrere ad ogni elemento con valore di indizio, con esclusione di quelli il cui utilizzo è vietato da una norma di legge o siano stati acquisiti in violazione di un diritto del contribuente
La lista in esame contiene un elenco di nomi sottratto da un ex dipendente (Falciani) ad un istituto di credito svizzero (HSBC) contenente i nominativi di correntisti esteri e presunti evasori (tra cui circa settemila contribuenti italiani). L’elenco di cui trattasi, sequestrato dalle autorità francesi, è stato poi diramato alle altre autorità europee in base alla direttiva 77/799/CEE in materia di cooperazione amministrativa, ed anche in Italia; la Guardia di Finanza e l’agenzia delle entrate hanno avviato i relativi controlli ed accertamenti.
La parola data dai giudici di legittimità pone fine, per il momento, alle diverse pronunce di merito che si erano espresse fino ad ora pro e contro l’utilizzabilità della lista in esame.
Voluntary Disclosure
E’ utile accertare se esiste un parallelismo tra la decisione assunta dalla Suprema Corte e l’istituto della collaborazione volontaria (cd. “voluntary dislosure”) per attività detenute in Paesi in black list ossia in paesi a fiscalità privilegiata per i quali in Italia vige l’obbligo di comunicazione di tutte le operazioni intercorse tra le imprese residenti nel nostro Paese e quelle fiscalmente domiciliate in Stati e territori non appartenenti alla Comunità Europea.
La Voluntary Disclosure permette ai contribuenti che detengono attività finanziarie o patrimoniali all’estero non dichiarate all’amministrazione finanziaria, di sanare la loro posizione, anche penale, pagando le relative imposte e le sanzioni in misura ridotta; essi possono conferire alla società fiduciaria italiana un incarico, anche senza intestazione, dopo aver utilizzato la voluntary disclosure, per conservare le attività all’estero,: Facendo ciò risultano esonerati dalla compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi, restando a carico della fiduciaria italiana il calcolo delle imposte dovute e relativo versamento al fisco italiano.
La Voluntary disclosure è in sostanza una procedura di conciliazione fiscale tra il contribuente e l’amministrazione finanziaria, su base volontaria del contribuente stesso. Originariamente sorto in America intorno agli anni ’90, nel nostro Paese è stato recepito nel decreto legge 4/2014, convertito dalla legge n. 50/2014 (G.U. serie generale – n. 23/2014) recante norme in materia tributaria e contributiva.
Con l’istituto in esame il contribuente, oltre a pagare tasse e interessi sul pregresso, dichiara di voler rivelare all’amministrazione finanziaria tutti i suoi beni esteri detenuti in modo non legittimo.
Fattispecie
Le due controversie finite all’esame della Cassazione hanno riguardato alcuni correntisti italiani a cui è stato notificato un accertamento per capitali detenuti in Svizzera e non dichiarati nel quadro “RW” del modello Unico.
I giudici tributari di primo e secondo grado hanno accolto le ragioni dei ricorrenti riconoscendo la non sussistenza del reato di dichiarazione infedele a carico di un contribuente terzo e ordinando la distruzione …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it