Concordato preventivo: il problema dei pagamenti dei fornitori anteriori alla procedura

Il Tribunale Fallimentare di Busto Arsizio si è recentemente espresso su una problematica che riguarda le imprese in fase di concordato preventivo in continuità aziendale.
 
Come è noto l’impresa in fase concorsuale non può pagare i debiti sorti prima della presentazione della domanda di ammissione alla procedura di concordato preventivo se non con autorizzazione del tribunale concessa ai sensi dell’art. 182-quinquies c. 4 L.F..
Riportiamo il testo dell’art. 182-quinquies c. 4 : “Il debitore che presenta domanda di ammissione al concordato preventivo con continuità aziendale, anche ai sensi dell’articolo 161 sesto comma, può chiedere al tribunale di essere autorizzato, assunte se del caso sommarie informazioni, a pagare crediti anteriori per prestazioni di beni o servizi, se un professionista in possesso dei requisiti di cui all’articolo 67, terzo comma, lettera d), attesta che tali prestazioni sono essenziali per la prosecuzione della attività di impresa e funzionali ad assicurare la migliore soddisfazione dei creditori. L’attestazione del professionista non è necessaria per pagamenti effettuati fino a concorrenza dell’ammontare di nuove risorse finanziarie che vengano apportate al debitore senza obbligo di restituzione o con obbligo di restituzione postergato alla soddisfazione dei creditori”.
In caso di prosecuzione dell’attività aziendale la Legge Fallimentare permette all’impresa di poter pagare anche debiti anteriori all’ammissione alla procedura, cioè debiti che sarebbero soggetti alle norme del liquidazione concorsuale, se tali debiti “sono essenziali per la prosecuzione della attività di impresa e funzionali ad assicurare la migliore soddisfazione dei creditori”. L’impresa debitrice deve presentare domanda al tribunale e deve corredare tale domanda con l’attestazione di un professionista che certifichi che tali pagamenti sono sia necessari alla prosecuzione dell’attività aziendale ed utili ad una migliore soddisfazione dei creditori concorsuali in fase di esecuzione della procedura di concordato preventivo.
Tale procedura è prevista per poter pagare i fornitori strategici che sono necessari alla prosecuzione dell’attività imprenditoriale, dato che l’apertura della procedura concorsuale rischia di bloccare le attività imprenditoriali in quanto l’impresa in fase di concordato preventivo non viene percepita come un buon cliente dai propri fornitori. I fornitori strategici sono quelli non sostituibili dai quali l’impresa deve continuare ad approvvigionarsi pur bloccando (in forza delle disposizioni della Legge Fallimentare) il pagamento dei debiti accumulati ed assoggettando tali debiti alle regole del concorso.
E’ probabile che i fornitori strategici possano richiedere il pagamento dei debiti pregressi minacciando l’interruzione delle forniture necessarie alla continuità aziendale.
 
Cosa avviene a fronte di una richiesta di pagamento da parte di un fornitore strategico?
La procedura descritta dall’art. 182-quinquies è complessa in quanto richiede un attestazione di un professionista che certifichi che:

i fornitori che richiedono il pagamento sono strategici, cioè non sostituibili in brevi tempi e che le forniture erogate sono necessarie alla prosecuzione dell’attività d’impresa;

che il pagamento di tali forniture non avviene a detrimento degli altri creditori concorsuali, anzi migliora le possibilità di realizzo di tali creditori all’interno della procedura.

La richiesta di pagamento corredata da tale attestazione deve essere presentata al Tribunale che deve autorizzare il pagamento.
Non è detto che vi siano i tempi per espletare tale procedura.
Nel caso trattato dal tribunale di Busto Arsizio, l’impresa in fase di concordato ha pagato € 14.265,70 relativi a debiti “riferibili al periodo anteriore al …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it