Disciplina del fermo amministrativo: è oggettivamente inapplicabile il fermo di un veicolo cointestato a più proprietari, quando non tutti sono debitori verso l'Agente della riscossione...

Disciplina del fermo amministrativo
Aspetti generali
Come noto, il fermo amministrativo è un atto di riscossione coattiva con il quale le amministrazioni o gli enti competenti possono ‘’bloccare’’ un bene mobile iscritto in pubblici registri (i.e. l’auto o la moto) del debitore o dei coobbligati (artt. 50 e 86 del DPR 602/1973)1.
Trattasi di un provvedimento interdittivo dell’uso del veicolo ai sensi dell’art. 214 del Codice della strada, approvato con D.lgs. 30.04.1992, n. 285. Il presupposto per l’uso delle ganasce fiscali è il mancato pagamento da parte del debitore nei termini di 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale.
Il fermo amministrativo si pone quale “misura cautelare”, poiché l’iscrizione dello stesso sul veicolo del debitore non priva quest’ultimo della proprietà del mezzo …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it