Anticipi e rimborsi per trasferte e missioni di lavoro e limite dei 1.000€

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 4 dicembre 2012

come vanno gestiti gli anticipi concessi per trasferte e missioni di lavoro dei dipendenti a fronte del limite di utilizzo del contante pari ad € 999,99?

 

  Parleremo della normativa antiriciclaggio nella nostra videoconferenza del 6 dicembre prossimo...clicca QUI per vedere come funziona...

 

Per effetto delle novità apportate dall’art. 12, comma 1 del DL 201/2011 è vietato, a decorrere dal 6 dicembre 2011, il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore ad € 1.000,00; parimenti, il trasferimento è altresì vietato quando è effettuato con più pagamenti inferiori alla soglia che appaiono artificiosamente frazionati. La riduzione della soglia limite per i pagamenti in contanti opera anche con riferimento ai trasferimenti di denaro contante effettuati nell’ambito dei rapporti di lavoro dipendente.

In genere, il pagamento del corrispettivo erogato a fronte del lavoro prestat