Professionisti, la registrazione riepilogativa va bene anche per le dirette

L’Agenzia delle entrate con la risoluzione 80/E del 24 luglio scorso ha fornito chiarimenti riguardo all’interpretazione dell’art.6 del d.p.r. 695/1996.
 
La norma
L’art.6 del d.p.r. 695/1996 prevede la possibilità di registrare in un documento riepilogativo mensile le fatture – sia di vendita che di acquisto – di importo non superiore a 300 euro (Importo elevato dal DL del 13/05/2011 n. 70, articolo 7 da euro 154,90 a euro 300,0) ciascuna.
Pertanto, allo stato, i soggetti passivi IVA hanno la possibilità di registrare le fatture attive e/o passive, se di importo inferiore a Euro 300,00, attraverso un documento riepilogativo nel quale devono essere indicati:

i numeri delle fatture cui si riferisce;

l’ammontare complessivo imponibile delle operazioni;

l’ammontare dell’imposta distinto per aliquota applicata…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it