Senza soldi non si concilia

Con sentenza n. 11125 del 3 luglio 2012, la Corte di Cassazione ha confermato che solo il pagamento delle somme dovute rende esecutiva la conciliazione giudiziale.

 

Il fatto

La controversia promossa contro l’Agenzia delle Entrate è stata definita con la decisione recante il rigetto dell’appello proposto dalla Agenzia contro la sentenza della CTP di Perugia che aveva dichiarato estinto, per intervenuta conciliazione, il giudizio relativo a degli avvisi di accertamento, per Iva, Irap ed Irpef relativi agli anni 199-2001.

La CTR affermava che, successivamente alla conciliazione giudiziale di cui all’art. 48 del d.lgs. 546/92, il mancato pagamento da parte del contribuente delle rate successive alla prima non legittimasse l’ufficio a richiedere la riapertura del processo dopo la pronuncia di estinzione.

 

Le doglianze dell’Agenzia delle Entrate

Secondo l’Agenzia la sentenza dei giudici di secondo grado è illegittima per violazione e falsa applicazione dell’art. 48, terzo comma del D.lgs. 546/92 in relazione all’art. 360 c. 1 n. 3 c.p.c. laddove la CTR ha ritenuto perfezionato l’accordo portato nel processo verbale di conciliazione con il mancato pagamento della sola prima rata, in assenza di prestazione di garanzia fideiussoria sull’importo delle rate successive.

 

Motivi della decisione

Per la Suprema Corte la censura è fondata. “Il D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 48, comma 3, nel testo applicabile ratione temporis, prevede che la conciliazione si perfeziona con il versamento, entro il termine di venti giorni dalla data di redazione del processo verbale, dell’intero importo dovuto ovvero della prima rata e con la prestazione della predetta garanzia sull’importo delle rate successive. Questa Corte (v. Cass. n. 3560 del 2009) ha a riguardo affermato che la conciliazione tributaria giudiziale costituisce una fattispecie a formazione progressiva caratterizzata dall’identità temporale della sua perfezione e della sua efficacia e che solo nel momento in cui la conciliazione raggiunge la perfezione/efficacia si estingue il rapporto giuridico tributario sostanziale e, pendente una controversia giudiziale, si produce la cessazione della materia del contendere. Più recentemente (Cass. n. 9219 del 2011) si è evidenziato che, in ipotesi di conciliazione rateale il giudice tributario deve rinviare la decisione ad un momento successivo alla scadenza del termine fissato per gli adempimenti previsti dall’art. 48 citato, comma 3 al fine di consentire al contribuente di documentare sia la tempestività del versamento della prima rata sia la prestazione della garanzia, atteso che solo per questa via la conciliazione raggiunge la perfezione/efficacia, si estingue il rapporto giuridico tributario sostanziale e si produce anche l’estinzione del processo per cessazione della materia del contendere. Anche con riguardo alle ipotesi di conciliazione cd. breve postfissazione, di cui allo art. 48, comma 5, questa Corte ha precisato che il perfezionamento della conciliazione interviene con il versamento, entro il termine di venti giorni dalla comunicazione dell’ordinanza della CTP di rinvio dell’udienza di trattazione della causa, dell’intero importo dovuto ovvero della prima rata e con la prestazione della prescritta garanzia sull’importo delle rate successive (Cass. n. 3560 del 2009; Cass. 27/1/2012, n. 1171)”.

 

Brevi note

La sentenza che si annota, ratione temporis, è assolutamente legittima. Di recente, con sentenza n. 24931 del 25 novembre 2011 (ud. 4 ottobre 2011) la Corte di Cassazione aveva già fissato dei paletti netti sulle modalità versamento delle somme dovute a seguito di conciliazione giudiziale, ex art 48, del D.Lgs.n.546/92, intervenendo su una pronuncia di regionale – n. 126/11/05, depositata il 4.11.05, della la CTR del Friuli Venezia Giulia – la quale, invero, “pur ritenendo che il perfezionamento della conciliazione potesse, in concreto, avvenire solo in seguito all’integrale pagamento del dovuto, o con il pagamento della…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it