Nuovo esterometro in vigore dall’1 luglio 2022

di Commercialista Telematico

Pubblicato il 30 giugno 2022

Da domani cambia tutto per quanto riguarda l'adempimento esterometro. In questo articolo vediamo quali sono le novità per le fatture attive, per quelle ricevute che andranno segnalate tramite SDI, per le operazioni con San Marino (che saranno fatturate tutte elettronicamente), reverse-charge, esportatori abituali.

Dall'1 luglio 2022 le operazioni da e verso soggetti non residenti, non stabiliti ancorché identificati vanno comunicate singolarmente al sistema di interscambio SDI con il formato XML della fattura elettronica.

Attenzione quindi agli acquisti fatti sulla rete internet (ad esempio su Amazon o altre piattaforme) se fatturati dall'estero.

Sono escluse da questa novità le operazioni attive documentate da fattura elettronica e le operazioni con soggetti extra UE relative a importazioni ed esportazioni documentate da bolletta doganale.

E’ ammessa la possibilità di integrare manualmente la fattura estera o di generare l’autofattura, in ogni caso va poi creato il file XML per inviare allo SDI i dati.

 

Nuovo esterometro: operazioni attive

nuovo esterometro 1 luglio 2022Dall'1 luglio 2022 vanno spediti allo SDI in formato XML i dati relativi a operazioni con soggetti non residenti, nello stesso formato della fattura elettronica.

L’invio dei dati per l’esterometro coincide con il termine per l’invio delle fatture elettroniche ovvero entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione.

In deroga a questo termine è possibile inviare la fattura entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle operazioni nei seguenti casi:

  • cessione di beni: se la consegna o la spedizione risultano da idoneo documento di trasporto ex DPR 472/1996.
  • prestazioni di servizi: se le relative prestazioni sono individuabili attraverso idonea documentazione (articolo 21, comma 4, lettera a), DPR 633/1972).

 

Obbligo di conservazione

Nel caso di fattura emessa in modalità analogica è ammessa anche la relativa conservazione analogica, ad esempio se scelgo di stampare la fattura posso conservarla in modo analogico, diversamente se il cliente estero mi fornisce di codice destinatario la trasmissione allo SDI è quella di una fattura elettronica a tutti gli effetti e la conservazione sarà elettronica.

 

Nuovo esterometro: operazioni passive

Dall’1/7/2022 le fatture estere ricevute (per le operazioni UE) e le autofatture (per le operazioni extra UE) dovranno essere convertite in XML e inviate allo SDI per la comunicazione relativa all’esterometro entro:

  • il giorno 15 del mese successivo al ricevimento della fattura per le operazioni intra UE;
  • il 15 del mese successivo all’effettuazione del