Cessione di azienda: la questione delle imposte

di Giuseppe Rebecca

Pubblicato il 29 novembre 2021

Numerosissime sono le particolarità che possono interessare il contratto di cessione d'azienda: l'insussistenza di azienda, la cessione indiretta, l'utilizzo degli stessi locali, l'aggiustamento del prezzo, la cessione frazionata, la cessione con rendita, l'azienda con immobili, la cessione di albergo, la cessione gruppo organizzato di dipendenti, la cessione del 100% delle quote....

La tassazione della Cessione d'azienda

Questi gli argomenti qui trattati:

 

***

Le imposte dirette

cessione azienda imposteLa cessione di azienda, entità diversa dalla sommatoria dei singoli beni che la compongono, è considerata una normale cessione e, pertanto, è potenzialmente in grado di generare una plusvalenza imponibile (secondo gli indirizzi della Cassazione, anche nel caso di vendita ad un familiare: sentenze nn. 12899/2007 e 3589/2009).

La base imponibile è data “dalla differenza fra il corrispettivo o l'indennizzo conseguito, al netto degli oneri accessori di diretta imputazione, e il costo non ammortizzato”.

Specularmente sono deducibili le minusvalenze.

Se l’azienda è posseduta da almeno un triennio, la plusvalenza potrà essere tassata in quote costanti nell’esercizio e nei successivi, ma non oltre il quarto (art. 58, TUIR).

Agli imprenditori individuali che possiedono da più di 5 anni l’azienda ceduta è concesso di optare per un regime di tassazione separata (artt. 58 comma 1, TUIR e 17, comma 1, lettera g), TUIR).

La cessione a fronte di una rendita vitalizia può realizzare una plusvalenza.

Il valore è allora da calcolare in base ai criteri risultanti dall’ordinamento giuridico (Cassazione n. 20746/2019); la determinazione del valore è effettuata sulla base delle tabelle dell’imposta di registro (Cassazione n. 10801/07, 23874/10, 1175/12 ed altre).

L’ufficio fiscale può legittimamente accertare la plusvalenza da cessione d’azienda sulla base del solo prezzo di vendita, comprensivo di avviamento e beni strumentali, indicato nell’atto di cessione, nel caso in cui sia stata omessa la dichiarazione della plusvalenza e non sia stato fornito, come richiesto dall’ufficio stesso, il registro dei cespiti ammortizzabili; a tal fine non è sufficiente il solo libro giornale (Cassazione n. 6830/2019).

L’Agenzia delle Entrate può sindacare l’arbitraria suddivisione relativamente al prezzo, tra beni e avviamento, qualora non siano rispettati i principi di correttezza e veridicità (Cassazione n. 14872/2020).

 

Tabella riepilogativa

Cedente
Durata del possesso
Unica azienda?
Regime di tassazione
Imprenditore individuale

Oltre 5 anni

ordinaria

separata

No

ordinaria

separata

differita

Tra 3 e 5 anni

ordinaria

No

ordinaria

differita

Meno di 3 anni

Irrilevante

ordinaria

Società commerciale

Oltre 3 anni

Irrilevante

ordinaria

differita

Meno di 3 anni

Irrilevante

ordinaria

 

Durata del possesso
Imprenditore individuale
Società commerciale
Oltre 5 anni
  • Regime ordinario;
  • Regime ordinario con rateizzazione della plusvalenza (da esclusione della cessione dell’unica azienda);
  • Tassazione separata.
  • Regime ordinario;
  • Regime ordinario con rateizzazione della plusvalenza.
Tra 3 e 5 anni
  • Regime ordinario;
  • Regime ordinario con rateizzazione della plusvalenza.
Meno di 3 anni
  • Regime ordinario.
  • Regime ordinario

 

Per le operazioni di cessione di azie