Contributi agenzie di animazione: presentazione delle domande

di Giovanna Greco

Pubblicato il 18 ottobre 2021



Istituito dal Ministero del Turismo il contributo per agenzie di animazione per feste e villaggi turistici. Visto l'approssimarsi del termine ultimo per la presentazione delle istanze (29 ottobre 2021), facciamo il punto circa i soggetti beneficiari e le modalità di presentazione delle istanze.

Contributi agenzie di animazioneIl Ministero del Turismo ha pubblicato due avvisi relativi all’assegnazione ed erogazione di contributi in favore delle Agenzie di animazione per feste e villaggi turistici, previsti dall’articolo 7 comma 1 del Decreto Ministeriale del 24 agosto 2021 – per l’importo di 10 milioni di euro, come indicato all’articolo 2 comma 1 lettera e) dello stesso Decreto Ministeriale del 24 agosto 2021 – destinati al ristoro di Agenzie di animazione per feste e villaggi turistici.

Le istanze potranno essere compilate e trasmesse on line a partire dalle ore 12:00 del giorno 15 ottobre 2021 fino alle ore 17:00 del giorno 29 ottobre 2021.

L’assegnazione dei contributi non terrà conto della data di ricezione delle istanze e sarà definita a seguito dell’istruttoria effettuata sulle istanze pervenute nel periodo sopra indicato.

 

Contributi agenzie di animazione: i beneficiari

 I beneficiari delle risorse le agenzie di animazione per feste e villaggi turistici di cui all’articolo 7 comma 2 del Decreto Ministeriale 24 agosto:

  • non devono essere destinatari di sanzioni interdittive per illeciti amministrativi;
     
  • devono essere in regola con gli obblighi in materia fiscale e con quelli in materia previdenziale ed assicurativa;
     
  • non devono trovarsi, già alla data del 31 dicembre 2019, in stato di difficoltà – ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014, salvo che si tratti microimprese o piccole imprese di cui all’allegato I del citato Regolamento, purché non soggette a procedure concorsuali per insolvenza e non destinatarie di aiuti per il salvataggio o aiuti per la ristrutturazione – né si trovino in condizioni ostative alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni.

 

Istanza, contenuti e modalità di presentazione

Le istanze di accesso al contributo dovranno essere presentate, con procedura automatizzata, su apposita piattaforma telematica certificata e trasmesse on line a partire dalle ore 12:00 del giorno 15 ottobre 2021 fino alle ore 17:00 del giorno 29 ottobre 2021.

L’assegnazione dei contributi non terrà conto della data di ricezione delle istanze e sarà definita a seguito dell’istruttoria effettuata sulle istanze pervenute nel periodo sopra indicato.

Lo sportello telematico sarà disponibile all’indirizzo https://sportelloincentivi.ministeroturismo.gov.it.

Si potrà accedere alla piattaforma attraverso le credenziali SPID2 o CNS e seguire le istruzioni per la compilazione dell’istanza.

Al termine della compilazione sarà possibile scaricare la distinta che dovrà essere firmata digitalmente (in formato CAdES), caricata e trasmessa sempre tramite lo sportello. 

Ai fini della valutazione del contributo, l’istante procede all’inserimento dei seguenti dati:
  1. importo in euro del fatturato e dei corrispettivi, riferibili ad attività espletate in favore di strutture turistiche, relativi al periodo dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019;
     
  2. Importo in euro del fatturato e dei corrispettivi, riferibili ad attività espletate in favore di strutture turistiche, relativi al periodo dal 1° gennaio 2019 al 30 giugno 2019;
     
  3. l'mporto in euro del fatturato e dei corrispettivi, riferibili ad attività espletate in favore di strutture turistiche, relativi al periodo dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020;
     
  4. importo in euro del fatturato e dei corrispettivi, riferibili ad attività espletate in favore di strutture turistiche, relativi al periodo dal 1° gennaio 2021 al 30 giugno 2021;
     
  5. importo in euro dei ricavi dell’anno 2019;
     
  6. l'importo in euro dei ricavi dell’anno 2020; 4. L’istante deve inoltre dichiarare: 
     
    1. la sussistenza dei requisiti di cui all’articolo 7, comma 2, ad eccezione della lettera d), del decreto ministeriale 24 agosto 2021, prot. n. SG/243;
       
    2. l’importo di altri contributi, a livello nazionale o regionale, eventualmente ricevuti nei periodi considerati, con l’indicazione della tipologia/natura del ristoro.
      Inoltre, ai fini dell’ammissione al contributo, l’istante deve fornire l’elenco certificato da un professionista accreditato delle fatture emesse riferibili ad attività espletate in favore di strutture turistiche.
      Il sistema informativo permetterà inoltre di allegare all’istanza l’autodichiarazione antimafia ed il certificato di regolarità contributiva (DURC).

 

Assegnazione ed erogazione

L’assegnazione dei contributi è, comunque, subordinata al rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato. 3.

L’erogazione del contributo ai beneficiari è effettuata subordinatamente alla verifica della regolarità contributiva dell’impresa e alla verifica inadempimenti ai sensi dell’art. 48 bis del d.P.R. 602/1973, secondo le disposizioni vigenti.

 

Revoca del contributo e controlli

Qualora la documentazione attestante il possesso dei requisiti richiesti per l’ammissione al contributo contenga elementi non veritieri, il Ministero del turismo dispone la revoca del contributo assegnato, provvede al recupero delle somme eventualmente versate, maggiorate degli interessi e degli altri oneri dovuti, e denuncia le irregolarità riscontrate alle competenti Autorità per l’accertamento delle responsabilità penali, civili e amministrativo contabili.

Il Ministero del turismo effettua controlli, anche a campione, sulla regolarità delle dichiarazioni attestanti il possesso dei requisiti allegate alle istanze e dei dati occorrenti per la determinazione del contributo.

 

Fonti: Ministero del Turismo - avviso 549/SG dello scorso 30 settembre 2021 e avviso prot. n. 594/SG dello scorso 8 ottobre 2021.

 

NdR: Forse potrebbe interessarti anche...

Decontribuzione turismo: aumentano i codici ATECO ammessi

Turismo, commercio e spettacolo: prime indicazioni sullo sgravio contributivo

 

A cura di Giovanna Greco

Lunedì 18 ottobre 2021