Proroga dello Smart working semplificato al 31 luglio 2021

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 4 maggio 2021

Prorogato al 31 luglio 2021 lo smart working semplificato per i datori di lavoro. La notizia arriva dal recente Decreto Riaperture. Cosa prevede la forma semplificata di smart working?

Smart Working: premessa

Il recente Decreto Legge meglio noto come Decreto Riaperture, ha disposto la proroga dal 30 aprile 2021 al 31 luglio 2021 dello smart working semplificato per i datori di lavoro.

Come noto il lavoro agile, anche detto smart working, è stato introdotto dalla Legge n. 81 del 22 maggio 2017 e consiste in una particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato grazie a un accordo concluso direttamente tra le parti.

Con lo smart working la prestazione lavorativa è eseguita in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno (non vi è una postazione fissa lavorativa) sempre nel limite di durata massima dell’orario di lavoro giornaliero e settimanale, derivanti dalla legge e dalla contrattazione collettiva.

Nota: il lavoro agile semplificato è stato concepito come misura di contrasto al COVID-19 e come strumento di conciliazione dei tempi di vita e lavoro e per la cura dei figli.

 

NdR: potrebbe interessarti anche...

Smart working: la sua diffusione solleva anche questioni fiscali

Smart working e permessi Legge 104: analisi pratica ed approfondimento della gestione pratica

Non imponibilità dei rimborsi spese ai lavoratori in smart working

 

Smart working semplificato e datori di lavoro privati: cosa prevede la normativa oggi in vigore

Con lo scopo di fare il punto in materia di lavoro agile semplificato per i datori di lavoro privati si coglie l'occasione per focalizzar