Milleproroghe: tempo fino al 31 marzo per le domande di integrazione salariale

di Antonella Madia

Pubblicato il 17 marzo 2021



A seguito della conversione in Legge del Milleproroghe 2021, sono state fornite specifiche istruzioni per poter inviare la domanda di integrazione salariale i cui termini, inizialmente scaduti il 31 dicembre 2020, sono stati prorogati al 31 marzo 2021.

Domande di integrazione salariale: premessa

milleproroghe domande integrazione salarialeIl Decreto Milleproroghe, D.Lgs. n. 183/2020, convertito con L. n. 21/2021, ha comportato un prolungamento dei termini per l'invio delle domande di accesso ai trattamenti di integrazione salariale collegati all'emergenza Covid-19 (previsti inizialmente da parte del Decreto Cura Italia - D.L. n. 18/2020), e dell'invio dei dati necessari per il pagamento o per il saldo di tali trattamenti, se scaduti al 31 dicembre 2020; tali termini sono stati prorogati al 31 marzo 2021.

Considerata la prossima scadenza, su tale argomento è recentemente intervenuto l'INPS, che specifica le istruzioni da seguire per poter fruire delle integrazioni salariali Covid-19 fino al 31 marzo 2021.

 

NdR: Potrebbe interessarti anche...

INPS e modifiche del Decreto Agosto: come cambia la domanda di integrazione salariale

Ammortizzatori sociali 2021: sintesi dall’INPS

 

Cosa prevede il Milleproroghe

I commi 10-bis e 10-ter, art. 11